Verso una disciplina tributaria dell'impresa sociale: prime considerazioni alla luce del d.lgs. 24 marzo 2006, n. 155

AutoreAntonio Uricchio
Pagine277-289
Nel dare attuazione alla legge n. 118 del 13 giugno 2005, il de-
creto legislativo 24 marzo 2006, n. 155, reca una disciplina organica
delle imprese sociali, delineando requisiti soggettivi ed oggettivi,
  
formali e contabili. Nonostante l’ampiezza del disegno e la varietà
degli ambiti toccati (societari, lavoristici, pubblicistici), l’articolato
normativo non contiene alcuna disposizione di ordine tributario non
solo di segno agevolativo, ma neanche di carattere impositivo.
Come da più parti avvertito, l’assenza di una qualsiasi regola-
     -
gativamente le scelte degli operatori del settore1, frenando l’accesso
a tale modello giuridico2        
1 Sui rapporti tra disciplina tributaria e quella del settore , si veda A. DI PIETRO, Il
 in, 2006,
231, il quale ricorda che “la piena affermazione organizzativa e funzionale del settore  sia
   -
     
 .”.
2 Secondo A. PROPERSI, L’impresa sociale: prospettive e problemi, in Terzo settore de Il sole
24 –Ore  -
     -
    -
lativa alle agevolazioni di cui gode l’impresa sociale se onlus. Nello stesso senso M.V. DE
GIORGI, Disciplina dell’impresa sociale – Note introduttive, (commentario al d.lgs. 24 marzo
2006, n. 155), Padova 2007, 6, secondo cui «in assenza di incentivi il   che esercita im-
presa continuerà come se la normativa non ci fosse, per cui l’impatto sull’assetto esistente sarà
minimo»; G. MAROCCHI, La legge delega sull’impresa sociale: a cosa servirà e a chi? in
Impresa sociale, 2005, n. 2, 233, spec. 236 il quale si chiede perché, in assenza di premialità,
«l’imprenditore privato, ma illuminato, pur disposto ad assumere su di sé ragionevoli vincoli in
cambio di un riconoscimento della socialità della sua impresa, dovrebbe essere interessato ad as-
sumere la forma di impresa sociale?». Si veda ancora F. CAFAGGI, La legge delega sull’impresa
  67 per il quale è
ANTONIO URICCHIO
VERSO UNA DISCIPLINA TRIBUTARIA
DELL’IMPRESA SOCIALE:
PRIME CONSIDERAZIONI ALLA LUCE

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA