Il 'riflusso' e il modello neo-corporativo della concertazione

Autore:Lorenzo Gaeta
Pagine:71-77
 
ESTRATTO GRATUITO
11
IL ‘RIFLUSSO’ E IL MODELLO NEO-CORPORATIVO
DELLA CONCERTAZIONE
Quanto gli anni Settanta sono stati cupi e angosciosi, tanto gli
Ottanta segnano l’avvio della ricerca del piacere a tutti i costi. Sono
gli anni del ‘riflusso’, del trionfo dell’apparire sull’esse re, dell’arric-
chimento facile, ostentato e invidiato. Compaiono le televisioni ‘pri-
vate’, che propongono al paese nuovi modelli sociali, sempre più futili
e banalizzanti, incentrati sul consumo voluttuario di massa. L’intero
mondo occidentale, del resto, è contagiato da questo nuovo edonismo
fondato sull’immagine: non a caso gli Stati Uniti vengono guidati per
otto anni da un ex attore hollywoodiano.
D’altronde, l’applicazione diffusa delle nuove tecnologie nel set-
tore industriale ed in quello dei servizi produce un’esplosione di effi-
cienza produttiva, incidendo profondamente sul modello dominante di
organizzazione della produzione e del lavoro: sono gli albori italiani
del superamento del fordismo-taylorismo classico che raggiungerà il
suo apice nel corso degli anni Novanta. Sul piano dei rapporti collet-
tivi, si sviluppano nuove pratiche relazionali, che cambiano profonda-
mente i rapporti tra Stato ed organizzazioni degli interessi, aprendo la
strada a modelli di regolazione incentrati sull’intervento statale nego-
ziato preventivamente con le parti sociali, e dunque sul superamento
della abstention che ha connotato sino ad allora il sistema di relazioni
sindacali italiano.
Nel 1983 si sperimenta un nuovo modello di gestione delle politi-
che del lavoro e delle relazioni industriali, che incontra molto successo:
la concertazione. Per la prima volta si siedono intorno a un tavolo i sin-
dacati ‘rappresentativi’, le organizzazioni imprenditoriali e il governo.
Quest’ultimo però non interviene in qualità di mediatore super partes,
come avvenuto altre volte in passato, ma come vera parte di un nego-
ziato triangolare e, quindi, come contraente di un accordo trilaterale,

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA