Contratto di associazione in partecipazione di società per azioni con apporto di attività lavorativa

Autore:Cinzia De Stefanis
Aggiornato al:Gennaio 2008
 
ESTRATTO GRATUITO

Page 828

Tra le parti:

la societ‡ per azioni . . . Spa con sede legale in . . . via . . . in persona del suo legale rappresentante signor . . ., iscritta la registro delle imprese presso la camera di commercio di . . . codice fiscale e numero registro imprese . . . partita iva . . . di seguito denominata associante e il Signor . . . nato a . . . il . . . e residente in . . . via . . . . codice fiscale . . . di seguito denominato Associato

PREMESSO

- che l'associante ha per oggetto sociale e svolge attivit‡ di . . .; - che tale attivit‡ Ë svolta e organizzata dalla associante tramite una rete di uffici tra i quali quello sito in . . .; - che per lo svolgimento di tale attivit‡ commerciale, la associante intende avvalersi delle prestazioni e dell'attivit‡ di consulenza dell'associato, che apporter‡ esclusivamente il suo lavoro senza comunque alcun vincolo di subordinazione; - che per attuare tale forma di collaborazione le parti contraenti intendono con il presente atto stipulare un contratto di associazione in partecipazione ai sensi e per gli effetti dell'art. 2549 e ss. c.c.

Tutto ciÚ premesso

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

  1. Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

  2. Oggetto del contratto Tra le parti viene costituita un'associazione in partecipazione ai sensi dell'art. 2549 c.c. avente per oggetto lo svolgimento da parte della associante della sua attivit‡ commerciale di . . . esclusivamente presso i propri uffici siti in . . .

  3. Apporto dell'associato L'associato si impegna ad apportare esclusivamente la propria attivit‡ di consulenza inerente l'attivit‡ commerciale svolta dall'associante, senza comunque alcun vincolo di subordinazione ed obbligo di orario, servendosi altresÏ all'occorrenza di suoi mezzi e strumenti di lavoro. In particolare, l'associato si impegna a prestare la sua opera in modo assiduo e continuativo e secondo le esigenze connesse al buon andamento della gestione aziendale. Resta inteso che l'associato non far‡ parte dell'azienda, che gli Ë quindi estranea, e qualsiasi diritto ed obbligo verso terzi faranno esclusivamente capo all'associante. L'associato non avr‡ alcun vincolo di subordinazione nei confronti della associante, al quale non competono poteri disciplinari di controllo, ma solo quello di impartire direttive di caratte-Page 829 re generale nonchÈ di verificare i risultati dell'attivit‡ svolta dall'associato. L'associato non avr‡ diritto ad alcuna...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA