Istanza di revoca dello stato di liquidazione la quale abbia luogo nonostante l'opposizione dei creditori sociali anteriori all'iscrizione della deliberazione nel registro delle imprese (art. 2487 Ter, comma 2, c.c. E art. 33, D.l.vo 17 gennaio 2003, n. 5)

Autore:Cinzia De Stefanis
Aggiornato al:Gennaio 2008
 
ESTRATTO GRATUITO

Page 867

Tribunale di . . . 1

Istanza per richiedere che la revoca dello stato di liquidazione abbia luogo nonostante l'opposizione dei creditori sociali anteriori all'iscrizione della deliberazione nel registro delle imprese

Il sig. . . . nella qualità di amministratore unico della società ". . . Spa" rappresentato e difeso dall'avv. . . . del foro di . . . e presso di lui elettivamente domiciliato in . . . via . . . n. . . . in virtù di procura rilasciata a margine del presente atto

Premesso

- che con deliberazione del . . . è stata approvata la revoca dello stato di liquidazione della società suindicata previa eliminazione della causa di scioglimento;

- che avverso tale delibera di revoca dello stato di liquidazione è stata proposta opposizione in data . . . dal sig. . . . creditore sociale anteriore all'iscrizione della delibera nel registro delle imprese;

- che la società ". . . Spa" intende richiedere che la delibera di revoca dello stato di liquidazione sia eseguita e a tale scopo è prestata idonea garanzia in . . . Tutto ciò premesso

Chiede

che l'Ill.mo giudice istruttore voglia, ai sensi dell'art. 2487 ter, comma 2, c.c., disporre la revoca dello stato di liquidazione nonostante l'opposizione del predetto creditore. Page 868

. . . lì . . .

Avv. . . .

Procura alle liti

Delego a rappresentarmi e difendermi nel presente giudizio, l'avv. . . ed eleggo domicilio presso il suo studio in . . . via . . .

Luogo e data . . .

-------------------------

[1] In pendenza della fase di liquidazione, l'assemblea dei soci può deliberare in qualsiasi momento, con le maggioranze richieste per le modificazioni dell'atto costitutivo, la revoca dello stato di liquidazione (art. 2487 ter c.c.), previa eliminazione della causa di scioglimento. Sul punto la relazione al decreto precisa che la revoca è possibile a condizione che non sia iniziata la distribuzione dell'attivo. Appare del resto inconcepibile la distribuzione del patrimonio - intesa quale atto liquidatorio - con la continuazione dell'attività di impresa. Il secondo comma dell'articolo in...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA