CONCORSO (scad. 22 agosto 2011) - Concorso per esami e titoli per il reclutamento di dirigenti scolastici per la Scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado con lingua di insegnamento slovena.

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 ed il relativo regolamento di attuazione approvato con decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957, n. 686 e successive modificazioni ed integrazioni;

Vista la legge 10 giugno 1982, n. 349, riguardante l'interpretazione autentica delle norme in materia di valutabilita' dell'anno scolastico e dei requisiti di ammissione ai concorsi direttivi ed ispettivi nelle scuole di ogni ordine e grado;

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 370, concernente l'esenzione dall'imposta di bollo per le domande di concorso e di assunzione presso le amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo e negli enti locali;

Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni, concernente nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e il relativo regolamento di attuazione approvato con decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, n. 184;

Vista la legge 28 marzo 1991 n. 120 concernente norme a favore dei privi della vista per l'ammissione ai pubblici concorsi;

Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104 e successive modificazioni, legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate;

Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale e' stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado;

Vista la legge 27 dicembre 1997, n.449 e successive modifiche e integrazioni, in particolare l'art. 39;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487 e successive modifiche ed integrazioni, recante misure sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalita' di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi;

Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, relativo alla riforma dell'organizzazione del Governo;

Visto il decreto del Ministro dell'Universita' e della Ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei;

Visto il decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca e del Ministro per la Funzione pubblica 5 maggio 2004, recante equiparazioni dei diplomi di laurea (D.L.) secondo il vecchio ordinamento alle nuove classi delle lauree specialistiche (L.S.), ai fini della partecipazione ai concorsi pubblici;

Visto il decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca 22 ottobre 2004, n. 270, modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei approvato con decreto del Ministro dell'Universita' e della Ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509;

Visto il decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca 16 marzo 2007 recante la determinazione delle classi di laurea magistrale;

Visto il decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca e del Ministro per la Pubblica amministrazione e l'Innovazione 9 luglio 2009, recante equiparazioni tra diplomi di lauree vecchio ordinamento, lauree specialistiche e lauree magistrali, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi;

Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante 'disposizioni per la formazione del bilancio annuale dello Stato', in particolare l'art. 93;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modifiche, recante il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa;

Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni, contenente norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, con particolare riferimento all'art. 25;

Vista la legge 28 marzo 2003, n. 53, recante 'delega al Governo per la definizione delle norme generali sull'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale';

Visto il decreto del Ministro della Pubblica Istruzione 7 dicembre 2006, n. 305, Regolamento recante identificazione dei dati sensibili e giudiziari trattati e delle relative operazioni effettuate dal Ministero della Pubblica Istruzione, in attuazione degli articoli 20 e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n.

196, concernente il codice in materia di protezione dei dati personali;

Visto il decreto legislativo 9 luglio 2003, n. 216, concernente l'attuazione della direttiva 2000/78 CE per la parita' di trattamento tra le persone, senza distinzione di religione, di convinzioni personali, di handicap, di eta' e di orientamento sessuale;

Visto il vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dell'autonoma Area della dirigenza scolastica del comparto scuola;

Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, recante codice delle pari opportunita' tra uomo e donna, a norma dell'art. 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246;

Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante Codice dell'amministrazione digitale e successive modifiche;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 2008, n. 140, concernente 'regolamento recante la disciplina per il reclutamento dei dirigenti scolastici, ai sensi dell'art. 1, comma 618, della legge 27 dicembre 2006, n. 296';

Vista la legge del 6 agosto 2008, n. 133, art. 64, relativo alle 'disposizioni in materia di organizzazione scolastica';

Visto il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, relativo all'attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15 in materia di ottimizzazione della produttivita' del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni ed in particolare l'art. 51;

Vista la consistenza delle dotazioni organiche dei dirigenti scolastici delle scuole con lingua di insegnamento slovena nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia;

Tenuto conto dei dati rilevati a mezzo del sistema informativo del Ministero dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca in ordine al numero dei posti da mettere a concorso;

Tenuto conto della rinnovazione della procedura concorsuale per la Regione Sicilia di cui al di cui al D.D.G. 22 novembre 2004 secondo i criteri stabiliti dalla legge n. 202 del 3 dicembre 2010;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21 aprile 2011, registrato alla Corte dei Conti il 20 giugno 2011, con il quale si autorizza il Ministero, ai sensi dell'art. 35, comma 4, del decreto legislativo del 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni ad avviare procedure di reclutamento per dirigenti scolastici per complessive 2.386 unita';

Visto il parere espresso dal Consiglio Nazionale della pubblica istruzione nell'adunanza del 13 luglio 2010 prot. n.

MIURAOODGOS.5278, in relazione alla tabella di valutazione dei titoli di servizio e professionali;

Visto il bando di concorso per esami e titoli per il reclutamento di dirigenti scolastici per la scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado e per gli istituti educativi di cui al D.D.G. del 13 luglio 2011, in particolare l'art. 1, comma 3, il quale prevede che per i posti relativi alle scuole con lingua di insegnamento slovena il Direttore Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia provvedera' ad indire apposito bando;

Visto l'allegato 1 al sopracitato bando di concorso dal quale risulta che i posti di dirigente scolastico relativi a scuole con lingua di insegnamento slovena messi a concorso sono 3;

Vista la legge 19 luglio 1961, n. 1012, concernente l'ordinamento delle istituzioni scolastiche con lingua di insegnamento slovena nella province di Gorizia e Trieste;

Vista la legge 22 dicembre 1973, n. 932, contenente modificazioni ed integrazioni della legge 19 luglio 1961, n. 1012;

Visto l'art. 429 del decreto legislativo n. 297 del 16 aprile 1994, che disciplina il reclutamento del personale direttivo delle scuole in lingua slovena, delle scuole in lingua tedesca e delle scuole delle localita' ladine;

Ritenuto di dover procedere all'emanazione del bando del concorso per il reclutamento dei dirigenti scolastici delle scuole con lingua di insegnamento slovena,

Decreta:

Art. 1

Concorso e posti 1. In attuazione dell'art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 2008, n. 140 nonche' dell'art. 1, comma 3 del D.D.G. del 13 luglio 2011, e' indetto un concorso per esami e titoli per il reclutamento, nell'ambito dell'Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, di dirigenti scolastici del ruolo relativo alle scuole con lingua di insegnamento slovena. Il predetto ruolo comprende, in un unico settore formativo, le scuole di ogni ordine e grado.

  1. Il numero dei posti messi a concorso a livello regionale per le scuole con lingua di insegnamento slovena e' determinato in n. 3 posti complessivi, come riportato nell'allegato 1, che e' parte integrante del presente decreto.

    Art. 2

    Organizzazione del concorso 1. In applicazione dell'art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 2008, n. 140, la procedura concorsuale si svolge in tutte le sue fasi a livello regionale.

  2. L'Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia, in particolare, cura l'organizzazione del concorso, nomina le commissioni giudicatrici, vigila sul regolare e corretto espletamento della procedura concorsuale, approva le graduatorie di merito al termine delle varie fasi e procede alle esclusioni previste...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA