Direttore regionale dell'Agenzia delle entrate per la Puglia

AutoreAldo Polito
Pagine21-22
21
ALDO POLITO
Direttore regionale agenzia delle entrate per la Puglia
Buongiorno a tutti.
Rivolgo il mio saluto alle autorità presenti in sala, ringrazio
l’Università degli Studi di Bari per l’invito ad articolare una rifles-
sione condivisa sul tema del federalismo fiscale e formulo uno
speciale “benvenuto” a Bari al professor Franco Gallo, vice-
presidente della Corte Costituzionale e al collega Marco Di Capua,
direttore vicario dell’Agenzia delle Entrate.
Il convegno di oggi ci offre l’opportunità per fare il punto sulle
esperienze accumulate fin qui, sulle iniziative in corso e sugli
obiettivi che dobbiamo prefiggerci, nel nostro lavoro al servizio
delle Istituzioni, se vogliamo dare corpo al disegno federalista.
Siamo tutti convinti, infatti, a dieci anni di distanza dalla riforma
del Titolo V della Costituzione, che l’autonomia sul territorio, nel
rispetto delle esigenze del coordinamento unitario, possa essere
una condizione abilitante delle potenzialità insite nelle comunità
locali. Si tratta, insomma, di stimolare la riflessione su quanto di
utile e proficuo possiamo derivare dalla sinergia tra livelli di go-
verno e dalla collaborazione nel servizio da erogare ai cittadini.
A questo proposito, per quanto riguarda la Puglia, sono felice
di poter dire che abbiamo sviluppato, nell’ultimo anno, numerose
partnership tra Istituzioni preposte alla cura degli interessi pubblici
sul territorio. L’Agenzia delle Entrate, in particolare, si è fatta par-
te attiva nel ricercare il dialogo costruttivo con la Regione, con i
Comuni, con gli enti esponenziali come l’ANCI e anche con i sog-
getti privati rappresentativi di categorie produttive e professionali.
Segno tangibile di questo dinamismo sono i tanti accordi e proto-
colli d’intesa, stipulati con l’obiettivo di strutturare i flussi di co-
municazione e indirizzare le energie comuni verso risultati condi-
visi, trasversali, rilevanti per gli utenti finali. Cito, tra i molteplici
esempi di successo di questo metodo, l’accordo con la Regione per

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA