Aspetti comunitari e intemazionali della problematica ambientale

Autore:Pietro Romano Orlando
Occupazione dell'autore:Àvvocato internazionalista, Professore di Difitto pubblico nell''Univetsità di Perugia

Page 65

  1. Nel ringraziare vivamente gli organizzatori del Convegno per avermi concesso f opportunità di parteciparvi, desidero innanzitutto far presente che molto probabilmente il mio intervento sul tema affidatomi rischiara di essere alquanto lacunoso e frammentario, a causa del tempo piuttosto limitato, che precluderà una completa disamina degli aspetti comunitari e internazionali della problematica ambientale.

    Mi accingo quindi, a cimentarmi in una sommaria analisi del tema, prendendo le mosse dalla presentazione del bel libro di Elio Fameli e Antonio Cammelli, egregiamente illustrato dai relatori che mi hanno preceduto, ritagliando, per quanto mi concerne, gli aspetti che ritengo pertinenti e più congeniali alla mia modesta competenza di ambiente.

    Prescindo ovviamente dagli aspetti squisitamente tecnico-operativa che nel libro sono magistralmente esposti, considerandoli degni della massima attenzione per la loro originalità e per il notevole contributo tecnico-culturale apportato alla scientia iuris in subjecta materia. Mi preme tuttavia evidenziare che le tematiche affrontate dagli Autori attengono a una materia fortemente interdisciplinare, ricollegandosi, da un iato, all'esame dei problemi giuridici fondamentali, siccome connessi con il diritto del cittadino all'informazione ambientale e, dall'altro, all'analisi e alla valutazione di quei sistemi informativi evoluti di cui i costanti e rapidi progressi delle tecnologie informatiche hanno reso possibile ia realizzazione.

    L'opera dimostra, cioè, - come bene illustra il Cordini - che «l'acquisizione tempestiva e appropriata di elementi conoscitivi risulta Page 66 indispensabile per organizzare gli interventi pubblici in campo ambientale e per promuovere la partecipazione dei cittadini, sia come smgoE che associati, alle decisioni che riguardano l'ambiente» (v. G, CORDINI nella Prmessa al libro Diritto all'informazione ambientale e sistemi informatìvi orientati al cittadino, a cura di ELIO FAMELI e ANTONIO CAMMELLI, Padova, CEDAM, 1996),

  2. Con riferimento alla prima parte del libro, dedicate all'ambiente come questione sociale di dimensioni planetarie, da un lato, e nazionali, dall'altro, soffermerò l'attenzione sugli aspetti intemazionali della problematica ambientale, non senza aver preventivamente evocato, e considerato col massimo interesse, che il processo evolutivo della questione ambientale affonda le radici in quelle che erano le esigenze di carattere privatistico, legate alla regolamentazione di rapporti intersoggettivi

    È sufficiente evocare in questa sede la vecchia disciplina deEe «immissioni moleste», ricordando come il limite della «non to llerabilità era la soglia dell'inquinamento lecito» (v. C. Salvi, Immissioni, ecologia, norme costituzionali in «Giurisprudenza itaEana», 1973), per rivivere l'angusta dimensione di una discipEna privatistica della questione ambientale, piuttosto carente di una visione globale delle attività inquinante incapace di predisporre ed attuare forme di efficacia preventiva, insufficiente a contenere la degradazione incalzante.

    Solo quando la questione ambientale, attraverso tappe successive, ha cominciato a fuoriuscire dai cd. rapporti di vicinato, inserendosi in una cornice pubblicistica, la relativa problematica ha ampEato i suoi...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA