Servizi per l'impiego e agenzie per il lavoro

Autore:Massimiliano di Pirro
Pagine:111-121
RIEPILOGO

1. Il sistema del collocamento pubblico e la sua riforma. 2. I servizi per l’impiego. 3. Le agenzie per il lavoro. 4. Il collocamento obbligatorio.

 
ESTRATTO GRATUITO
111
Capitolo 4
4
SERVIZI PER LIMPIEGO
E AGENZIE PER IL LAVORO
1
Il sistema del collocamento pubblico
e la sua riforma
Il rapporto di lavoro subordinato si costituisce con l’assunzione del lavo-
ratore, cioè con la stipulazione di un contratto individuale di lavoro tra il
datore di lavoro e il lavoratore.
In passato l’assunzione dei lavoratori avveniva tramite i cd. Uffici di collo-
camento, che erano uffici comunali dipendenti dal Ministero del lavoro. Il
datore di lavoro doveva presentare a tali uffici una richiesta numerica di la-
voratori (poteva, cioè, indicare solo il numero dei lavoratori che aveva neces-
sità di assumere e la qualifica professionale richiesta e non, invece, il loro no-
minativo). Gli Uffici di collocamento individuavano coloro che avevano diritto
all’assunzione sulla base di apposite graduatorie di avviamento (cd. liste).
Il collocamento, quindi, svolgeva una funzione pubblica di intermediazione
obbligatoria tra i lavoratori e i datori di lavoro.
Dall’inizio degli anni Novanta, però, si sono succedute numerose leggi che
hanno profondamente riformato il sistema del collocamento.
Dapprima, la L. n. 223/1991 ha reso possibile una richiesta nominativa di
lavoratori da inoltrare alla sezione circoscrizionale per l’impiego del Mini-
stero del lavoro, la quale, dopo aver verificato il rispetto delle condizioni di
legge, rilasciava un nulla osta all’assunzione.
La L. n. 608/1996, poi, ha fatto venire meno la necessità di richiedere il pre-
ventivo nulla osta e ha introdotto per la generalità dei lavoratori del settore
privato il meccanismo dell’assunzione diretta.
Successivamente, la L. n. 196/1997 ha operato una prima e parziale apertura
del collocamento a soggetti privati, consentendo lo svolgimento dell’attività
di intermediazione tra domanda e offerta di lavoro anche ad apposite agen-
zie private di fornitura di lavoro temporaneo (cd. lavoro interinale).
Una vera e propria svolta si è avuta, però, con il D.Lgs. n. 469/1997, il quale
ha trasferito alle Regioni e agli enti locali la gestione diretta del collocamen-
to, determinando un assetto territoriale dei servizi per l’impiego (espres-
sione destinata a sostituire il termine “collocamento”).
Uffici di
collocamento
Riforma del
collocamento

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA