COMUNICATO - Contratto collettivo quadro per la definizione dei comparti di contrattazione per il quadriennio 2006-2009

 
ESTRATTO GRATUITO

Il giorno 11 giugno 2007, alle ore 16,30, ha avuto luogo l'incontro tra l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (A.Ra.N.) e le confederazioni sindacali nelle persone di:

per l'ARAN: avv. Massella Ducci Teri (presidente) (firmato);

per le Confederazioni sindacali:

C.G.I.L. - Firmato;

C.I.S.L. - Firmato;

U.I.L. - Firmato;

CISAL - Firmato;

CONFSAL - Firmato;

CGU - Firmato;

RDB CUB - Firmato;

USAE - Non Firmato;

CONFINTESA - Non firmato (Con riserva).

All'inizio della riunione le parti prendono atto dei seguenti errori materiali:

1) all'art. 10, comma 1, terzo linea le parole "di cui al decreto legislativo 30 giugno 1993, n. 269 e successive modificazioni ed integrazioni" sono sostituite con le parole "di cui al decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288";

2) all'art. 13, comma 5 le parole "di cui alla lettera b)" sono sostituite con le parole "di cui alla lettera a)".

Le parti prendono, altresi', atto dell'omissione materiale all'art. 9, comma 1, ottavo linea, dell'inciso relativo alle Unioni di Comuni, pertanto il testo viene cosi' integrato: dopo le parole "dai consorzi, associazioni" sono aggiunte le parole "incluse le Unioni di Comuni".

Terminati tali adempimenti le parti, ad eccezione di Usae e Confintesa, sottoscrivono l'allegato contratto collettivo nazionale quadro per la definizione dei comparti di contrattazione per il quadriennio 2006-2009.

CONTRATTO COLLETTIVO QUADRO PER LA DEFINIZIONE DEI COMPARTI DI

CONTRATTAZIONE PER IL QUADRIENNIO 2006-2009

Art. 1.

Area di applicazione

  1. Il presente contratto si applica ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche indicate nell'art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

  2. I rapporti di lavoro dei dipendenti dei comparti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dai contratti collettivi previsti dagli articoli 40 e 41 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

    Art. 2.

    Determinazione dei comparti di contrattazione collettiva

  3. I dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1, comma 1, sono raggruppati nei seguenti comparti di contrattazione collettiva:

    a) comparto del personale delle agenzie fiscali;

    b) comparto del personale degli enti pubblici non economici;

    c) comparto del personale delle istituzioni di alta formazione e specializzazione artistica e musicale;

    d) comparto del personale delle istituzioni e degli enti di ricerca e sperimentazione;

    e) comparto del personale dei ministeri;

    f) comparto del personale della presidenza del consiglio dei ministri;

    g) comparto del personale delle regioni e delle autonomie locali;

    h) comparto del personale del Servizio sanitario nazionale;

    i) comparto del personale della scuola;

    l) comparto del personale dell'universita'.

    Art. 3.

    Comparto del personale delle agenzie fiscali

  4. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all'art. 2, comma 1, lettera a), comprende il personale dipendente:

    dall'Agenzia delle dogane;

    dall'Agenzia delle entrate;

    dall'Agenzia del territorio;

    dall'Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS).

    Art. 4.

    Comparto del personale degli enti pubblici non economici

  5. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all'art. 2, comma 1, lettera b), comprende il personale dipendente dai sottoindicati enti (ivi incluso quello di cui all'art. 15 della legge 9 marzo 1989, n. 88, come modificato per effetto dell'art. 69, comma 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165):

    enti di cui alla legge 20 marzo 1975, n. 70, e successive modificazioni e integrazioni - ivi compreso l'Istituto nazionale per il commercio con l'estero (ICE) - ad eccezione di quelli espressamente indicati nell'art. 6, nonche' dagli ulteriori enti pubblici non economici comunque sottoposti a tutela o vigilanza dello Stato;

    Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica (INPDAP) e dall'Istituto di previdenza del settore...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA