CONCORSO (scad. 3 ottobre 2008) - Indizione della terza sessione 2008 degli esami di idoneita'' per l''iscrizione all''albo unico dei promotori finanziari

 
ESTRATTO GRATUITO

Indizione della terza sessione 2008 degli esami di idoneita' per l'iscrizione all'albo unico dei promotori finanziari

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Vista la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415;

Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58;

Visto il decreto ministeriale n. 472 dell'11 novembre 1998;

Viste le proprie delibere n. 10200 del 5 settembre 1996 e n. 11504 del 23 giugno 1998;

Visto il regolamento approvato con propria delibera n. 10629 dell'8 aprile 1997, concernente l'albo e l'attivita' dei promotori finanziari, e le successive modificazioni ed integrazioni;

Visto l'art. 15 del suddetto regolamento, recante la disciplina dell'esame di idoneita' per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari;

Delibera:

Art. 1.

E' indetta, per l'anno 2008, la terza sessione dell'esame d'idoneita' per l'iscrizione all'Albo unico dei Promotori Finanziari.

Art. 2.

Sono esonerati dal superamento dell'esame d'idoneita' coloro che sono in possesso dei requisiti di professionalita' accertati dalla CONSOB sulla base dei criteri valutativi individuati dall'art. 4 del decreto del Ministero del Tesoro n. 472 dell'11 novembre 1998.

Art. 3.

Le domande di ammissione all'esame d'idoneita' devono essere presentate in carta semplice entro il 3 ottobre 2008 alle commissioni regionali costituite nei capoluoghi delle regioni in cui i candidati hanno la residenza o, per i residenti nelle province di Trento o di Bolzano, alle commissioni provinciali costituite nel capoluogo delle province in cui i candidati hanno la residenza. A tal fine fa fede il timbro a data apposto dagli uffici della camera di commercio presso cui e' costituita la competente commissione.

I candidati che hanno la propria residenza in uno Stato diverso dall'Italia devono indirizzare o presentare le domande di ammissione alla commissione nel cui ambito territoriale hanno eletto il proprio domicilio.

Si considerano prodotte in tempo utile anche le domande di ammissione spedite entro il termine indicato, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, alle competenti commissioni di cui ai commi precedenti. A tal fine fa fede il timbro a data apposto dall'ufficio postale accettante.

Nella domanda il candidato deve dichiarare:

1) cognome, nome e, per i residenti in Italia, il numero di codice fiscale;

2) luogo e data di nascita;

3) comune di residenza e relativo indirizzo ovvero, per i residenti all'estero, domicilio eletto nello Stato e luogo di...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA