DECRETO 4 aprile 2002 - Attuazione della direttiva della Commissione 98/65/CE, per l'adeguamento al progresso tecnico degli allegati alla direttiva del Consiglio 82/130/CEE, sul materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera esplosiva nelle miniere grisutose

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE

Visto l'art. 20 della legge 16 aprile 1987, n. 183, in merito al coordinamento delle politiche riguardanti l'appartenenza dell'Italia alle Comunita' europee ed adeguamento dell'ordinamento interno agli atti normativi comunitari; Visto l'art. 5 della legge 9 marzo 1989, n. 86, in merito alle norme generali sulla partecipazione dell'Italia al processo normativo comunitario e sulle procedure di esecuzione degli obblighi comunitari; Vista la legge 17 aprile 1989, n. 150, recante norme per l'attuazione della direttiva del Consiglio 82/130/CEE e norme transitorie concernenti la costruzione e la vendita di materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera esplosiva nelle miniere grisutose; Visto l'art. 10 della legge 17 aprile 1989, n. 150, che delega il Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato per l'adeguamento al progresso tecnico degli allegati A, B e C annessi a detta legge; Visto il decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato 10 agosto 1994, n. 587, riguardante il "Regolamento per l'attuazione della direttiva della Commissione 91/269/CEE, che adegua al progresso tecnico gli allegati alla direttiva del Consiglio 82/130/CE, sul materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera esplosiva nelle miniere grisutose"; Visto il decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato 1 luglio 1997, riguardante l'attuazione della direttiva della Commissione 94/44/CEE del 19 settembre 1994 che adegua al progresso tecnico gli allegati alla direttiva del Consiglio 82/130/CEE, sul materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera esplosiva nelle miniere grisutose"; Vista la direttiva della Commissione 98/65/CE del 3 settembre 1998 che adegua al progresso tecnico la direttiva del Consiglio 82/130/CEE; Vista la legge 21 dicembre 1999, n. 526, recante disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunita' europee, legge comunitaria 1999, elenco delle direttive comunitarie da attuare in via amministrativa; Considerato che per il progresso avutosi nella tecnica e' necessario adeguare le norme armonizzate di cui all'allegato A, della sopracitata legge n. 150/1989 e del decreto ministeriale 10 agosto 1994, n. 587; Considerato che per le caratteristiche del materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera esplosiva deve essere previsto un periodo di transizione per consentire alle industrie di adeguarsi agli aggiornamenti apportati alle norme; Considerato che la direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 marzo 1994 riguardante il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle attrezzature e ai sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere esplosive stabilisce che la direttiva 82/130/CEE sia abrogata a partire dal 1 luglio 2003; Ritenuta la necessita' di procedere all'adeguamento di cui sopra in attuazione della direttiva della Commissione 98/65/CE sopra citata;

Decreta:

Articolo unico

  1. All'allegato A della legge 17 aprile 1989, n. 150, e' aggiunto l'allegato I di cui al presente decreto.

  2. All'allegato B della legge 17 aprile 1989, n. 150, e' aggiunto l'allegato II di cui al presente decreto.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 4 aprile 2002 Il Ministro: Marzano

Allegato I

NORME ARMONIZZATE

Le norme armonizzate alle quali deve essere conforme il materiale secondo il suo metodo di protezione, sono le norme europee i cui riferimenti figurano nella tabella che segue.

I certificati redatti in base alle norme citate nella tabella seguente assumono la denominazione di "certificati...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA