LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 - Ripubblicazione del testo della legge 13 luglio 2015, n. 107, recante: «Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti.» corredato delle relative note. (Legge pubblicata nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 162 del 15 luglio 2015) (15A05606)

 
ESTRATTO GRATUITO

Avvertenza: Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto dal Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, ai sensi dell'art. 10, comma 3-bis, del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge modificate o alle quali e' operato il rinvio. Resta invariato il valore e l'efficacia dell'atto legislativo a suo tempo pubblicato. Art. 1 +------------------------------------+------------------------------+ |1. Per affermare il ruolo centrale | | |della scuola nella societa' della | | |conoscenza e innalzare i livelli di | | |istruzione e le competenze delle | | |studentesse e degli studenti, | | |rispettandone i tempi e gli stili di| | |apprendimento, per contrastare le | | |diseguaglianze socio-culturali e | | |territoriali, per prevenire e | | |recuperare l'abbandono e la | | |dispersione scolastica, in coerenza | | |con il profilo educativo, culturale | | |e professionale dei diversi gradi di| | |istruzione, per realizzare una | | |scuola aperta, quale laboratorio | | |permanente di ricerca, | | |sperimentazione e innovazione | | |didattica, di partecipazione e di | | |educazione alla cittadinanza attiva,| | |per garantire il diritto allo | | |studio, le pari opportunita' di | | |successo formativo e di istruzione | | |permanente dei cittadini, la | | |presente legge da' piena attuazione | | |all'autonomia delle istituzioni | | |scolastiche di cui all'articolo 21 | | |della legge 15 marzo 1997, n. 59, e | | |successive modificazioni, anche in |Oggetto e finalita' della | |relazione alla dotazione |riforma del sistema nazionale | |finanziaria. |di istruzione e formazione | +------------------------------------+------------------------------+ |2. Per i fini di cui al comma 1, le | | |istituzioni scolastiche garantiscono| | |la partecipazione alle decisioni | | |degli organi collegiali e la loro | | |organizzazione e' orientata alla | | |massima flessibilita', | | |diversificazione, efficienza ed | | |efficacia del servizio scolastico, | | |nonche' all'integrazione e al | | |miglior utilizzo delle risorse e | | |delle strutture, all'introduzione di| | |tecnologie innovative e al | | |coordinamento con il contesto | | |territoriale. In tale ambito, | | |l'istituzione scolastica effettua la| | |programmazione triennale | | |dell'offerta formativa per il | | |potenziamento dei saperi e delle | | |competenze delle studentesse e degli| | |studenti e per l'apertura della | | |comunita' scolastica al territorio |Organizzazione scolastica e | |con il pieno coinvolgimento delle |programmazione triennale | |istituzioni e delle realta' locali. |dell'offerta formativa. | +------------------------------------+------------------------------+ |3. La piena realizzazione del | | |curricolo della scuola e il | | |raggiungimento degli obiettivi di | | |cui ai commi da 5 a 26, la | | |valorizzazione delle potenzialita' e| | |degli stili di apprendimento nonche'| | |della comunita' professionale | | |scolastica con lo sviluppo del | | |metodo cooperativo, nel rispetto | | |della liberta' di insegnamento, la | | |collaborazione e la progettazione, | | |l'interazione con le famiglie e il | | |territorio sono perseguiti mediante | | |le forme di flessibilita' | | |dell'autonomia didattica e | | |organizzativa previste dal | | |regolamento di cui al decreto del |Forme di flessibilita' | |Presidente della Repubblica 8 marzo |dell'autonomia didattica e | |1999, e in particolare attraverso: |organizzativa. | |a) l'articolazione modulare del | | |monte orario annuale di ciascuna | | |disciplina, ivi compresi attivita' e| | |insegnamenti interdisciplinari;

| | |b) il potenziamento del tempo | | |scolastico anche oltre i modelli e i| | |quadri orari, nei limiti della | | |dotazione organica dell'autonomia di| | |cui al comma 5, tenuto conto delle | | |scelte degli studenti e delle | | |famiglie;

| | |c) la programmazione | | |plurisettimanale e flessibile | | |dell'orario complessivo del | | |curricolo e di quello destinato alle| | |singole discipline, anche mediante | | |l'articolazione del gruppo della | | |classe. | | +------------------------------------+------------------------------+ |4. All'attuazione delle disposizioni| | |di cui ai commi da 1 a 3 si provvede| | |nei limiti della dotazione organica | | |dell'autonomia di cui al comma 201, | | |nonche' della dotazione organica di | | |personale amministrativo, tecnico e | | |ausiliario e delle risorse | | |strumentali e finanziarie |Copertura finanziaria per la | |disponibili. |dotazione organica complessiva| +------------------------------------+------------------------------+ |5. Al fine di dare piena attuazione | | |al processo di realizzazione | | |dell'autonomia e di riorganizzazione| | |dell'intero sistema di istruzione, | | |e' istituito per l'intera | | |istituzione scolastica, o istituto | | |comprensivo, e per tutti gli | | |indirizzi degli istituti secondari | | |di secondo grado afferenti alla | | |medesima istituzione scolastica | | |l'organico dell'autonomia, | | |funzionale alle esigenze didattiche,| | |organizzative e progettuali delle | | |istituzioni scolastiche come | | |emergenti dal piano triennale | | |dell'offerta formativa predisposto | | |ai sensi del comma 14. I docenti | | |dell'organico dell'autonomia | | |concorrono alla realizzazione del | | |piano triennale dell'offerta |Istituzione dell'organico | |formativa con attivita' di |dell'autonomia funzionale alle| |insegnamento, di potenziamento, di |esigenze didattiche, | |sostegno, di organizzazione, di |organizzative e progettuali | |progettazione e di coordinamento. |delle istituzioni scolastiche | +------------------------------------+------------------------------+ |6. Le istituzioni scolastiche | | |effettuano le proprie scelte in | | |merito agli insegnamenti e alle | | |attivita' curricolari, | | |extracurricolari, educative e | | |organizzative e individuano il | | |proprio fabbisogno di attrezzature e| | |di infrastrutture materiali, nonche'|Autonomia scolastica e | |di posti dell'organico |individuazione del fabbisogno | |dell'autonomia di cui al comma 64. |delle istituzioni scolastiche | +------------------------------------+------------------------------+ |7. Le istituzioni scolastiche, nei | | |limiti delle risorse umane, | | |finanziarie e strumentali | | |disponibili a legislazione vigente | | |e, comunque, senza nuovi o maggiori | | |oneri per la finanza pubblica, | | |individuano il fabbisogno di posti | | |dell'organico dell'autonomia, in | | |relazione all'offerta formativa che | | |intendono realizzare, nel rispetto | | |del monte orario degli insegnamenti | | |e tenuto conto della quota di | | |autonomia dei curricoli e degli | | |spazi di flessibilita', nonche' in | | |riferimento a iniziative di | | |potenziamento dell'offerta formativa| | |e delle attivita' progettuali, per | | |il raggiungimento degli obiettivi |Fabbisogno dei posti | |formativi individuati come |dell'organico dell'autonomia. | |prioritari tra i seguenti: |Obiettivi formativi prioritari| |a) valorizzazione e potenziamento | | |delle competenze linguistiche, con | | |particolare riferimento all'italiano| | |nonche' alla lingua inglese e ad | | |altre lingue dell'Unione europea, | | |anche mediante l'utilizzo della | | |metodologia Content language | | |integrated learning;

| | |b) potenziamento delle competenze | | |matematico-logiche e scientifiche;

| | |c) potenziamento delle competenze | | |nella pratica e nella cultura | | |musicali, nell'arte e nella storia | | |dell'arte, nel cinema, nelle | | |tecniche e nei media di produzione e| | |di diffusione delle immagini e dei | | |suoni, anche mediante il | | |coinvolgimento dei musei e degli | | |altri istituti pubblici e privati | | |operanti in tali settori;

| | |d) sviluppo delle competenze in | | |materia di cittadinanza attiva e | | |democratica attraverso la | | |valorizzazione dell'educazione | | |interculturale e alla pace, il | | |rispetto delle differenze e il | | |dialogo tra le culture, il sostegno | | |dell'assunzione di responsabilita' | | |nonche' della solidarieta' e della | | |cura dei beni comuni e della | | |consapevolezza dei diritti e dei | | |doveri;

potenziamento delle | | |conoscenze in materia giuridica ed | | |economico-finanziaria e di | | |educazione | | |all'autoimprenditorialita';

| | |e) sviluppo di comportamenti | | |responsabili ispirati alla | | |conoscenza e al rispetto della | | |legalita', della sostenibilita' | | |ambientale, dei beni paesaggistici, | | |del patrimonio e delle attivita' | | |culturali;

| | |f) alfabetizzazione all'arte, alle | | |tecniche e ai media di produzione e | | |diffusione delle immagini;

| | |g) potenziamento delle discipline | | |motorie e sviluppo di comportamenti | | |ispirati a uno stile di vita sano, | | |con particolare riferimento | | |all'alimentazione, all'educazione | | |fisica e allo sport, e attenzione | | |alla tutela del diritto allo studio | | |degli studenti praticanti attivita' | | |sportiva agonistica;

| | |h) sviluppo delle competenze | | |digitali degli studenti, con | | |particolare riguardo al pensiero | | |computazionale, all'utilizzo critico| | |e consapevole dei social network e | | |dei media nonche' alla produzione e | | |ai legami con il mondo del lavoro;

| | |h) identica;

| | |i) potenziamento delle metodologie | | |laboratoriali e delle attivita' di | | |laboratorio;

| | |l) prevenzione e contrasto della | | |dispersione scolastica, di ogni | | |forma di discriminazione e del | | |bullismo, anche informatico;

| | |potenziamento dell'inclusione | | |scolastica e del diritto allo studio| | |degli alunni con bisogni educativi | | |speciali attraverso percorsi | |...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA