Nomina della consigliera di parita' effettiva e supplente della regione Lombardia.

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

di concerto con

IL MINISTRO DEI DIRITTI E DELLE PARI OPPORTUNITA'

Vista la legge 10 aprile 1991, n. 125;

Visto l'art. 12, comma 3 del decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, che prevede la nomina dei consiglieri di parita', su designazione degli organi a tal fine individuati dalle regioni e dalle province, sentite rispettivamente le commissioni regionali e provinciali tripartite di cui agli articoli 4 e 6 del decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469;

Visto l'art. 13, comma 1 del succitato decreto che prevede che i consiglieri di parita' devono possedere i requisiti di specifica competenza ed esperienza pluriennale in materia di lavoro femminile, di normativa sulle parita' e pari opportunita', nonche' di mercato del lavoro, comprovati da idonea documentazione;

Visto il decreto del presidente del consiglio regionale della Lombardia n. 1220 del 10 ottobre 2006 con il quale il presidente della regione Lombardia designa la sig.ra Maria Teresa Coppo Gavazzi e la sig.ra Sabina Guancia rispettivamente quali consigliere regionali di parita' effettiva e supplente;

Visti i curricula vitae della sig.ra Maria Teresa Coppo Gavazzi e la sig.ra Sabina Guancia, allegati al presente decreto di cui costituiscono parte integrante;

Vista la nota di segnalazione sull'iter di designazione delle consigliere di parita' effettiva e supplente della regione Lombardia presentata dalle OO.SS. CGIL, CISL, UIL Lombardia;

Preso atto delle contro deduzioni fornite con nota prot. n. 12619 dell'11 dicembre 2006 dal consiglio regionale della Lombardia in merito alla nota di segnalazione prot. n. 13/IV/18427 presentata al Ministero del lavoro dalle OO.SS. CGIL, CISL, UIL Lombardia sull'iter di designazione delle consigliere di parita' effettiva e supplente;

Considerato che le predette designazioni risultano corrispondere ai requisiti stabiliti dal succitato decreto legislativo n. 198/2006 e che risulta acquisito il parere della commissione regionale per le politiche del lavoro;

Ritenuta l'opportunita' di procedere alla nomina della consigliera di parita' effettiva e supplente della regione Lombardia;

Decreta:

La sig.ra Maria Teresa Coppo Gavazzi e la sig.ra Sabina Guancia sono nominate rispettivamente consigliera di parita' effettiva e supplente della regione Lombardia.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 16 febbraio 2007

Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale

Damiano

Il Ministro dei diritti e delle pari opportunit‡

Pollastrini

Allegato

MARIA TERESA COPPO GAVAZZI

CURRICULUM VITAE

Formazione.

Diploma di scuola media superiore; liceo scientifico.

Diploma della scuola superiore di comunicazione sociale U.C.

Diploma in lingua e letteratura francese all'Universita' per gli stranieri di Grenoble. Professione.

Dal 1977 giornalista pubblicista, iscritta all'Albo dell'ordine regionale di Milano.

Dal 1964 al 1984 Membro della direzione del Centro studi cinematografici nazionale.

Dal 1974 al 1980 Presidente della Federazione lombarda del Centro studi Cinematografici Nazionale.

Dal 1964 al 1980 Responsabile per la Lombardia del Centro Cattolico Cinematografico (C.C.C.).

Dal 1974 al 1980 Membro della Consulta della cultura del comune di Milano.

Nello stesso periodo ha tenuto numerosi corsi di Educazione Ikonica nelle scuole di Milano e provincia oltre a corsi di formazione per insegnanti.

Dal 1977 al 1980 Presidente di un Consiglio scolastico distrettuale di Milano.

Dal 1980 al 1985 Membro del Consiglio scolastico provinciale di Milano.

Dal 1985 al 1993 Consigliere comunale di Milano.

In questa veste:

Membro della Commissione donne del comune

Membro della Commissione cultura e istruzione;

Membro della Commissione Personale, ha rivolto particolare attenzione al problema delle pari opportunita' anche nella pianta organica del comune

Membro della Commissione lavori pubblici ed economato.

Dal 1992 al 1993 De1ega al Centro Azione Milano Donne del comune.

Dal 1992 al 1994 Parlamentare europeo.

In questa veste:

Membro della Commissione dei diritti alle donna.

Membro della Commissione sociale.

Membro della Commissione ambiente.

Dal 1990 Membro dell'AICCRE, Associazione Italiana Consiglio dei Comuni d'Europa, e componente della Direzione.

1991 Ha fondato, insieme con altre elette locali e regionali, la Commissione Elette del CCRE, Consiglio Comuni Regioni d'Europa, di cui e' tuttora rappresentante per l'Italia. Questa Commissione ha dato vita a una rete europea di elette locali e regionali per l'affermazione della parita' uomo/donna (Allegato 1).

Dal 1991 Vice presidente della Consulta femminile dell'AICCRE (Allegato 2).

Dal 1994 Coordinatrice della delegazione italiana nel Comitato delle regioni e, in questa veste, Collaboratrice del Comitato per le Pari Opportunita' dello stesso.

Dal 1996 Presidente della Federazione Lombarda dell'AICCRE.

2000-2002 Coordinatrice per la regione Lombardia del Progetto sul IV programma di azione della Commissione europea: ´Donne al lavoro nelle regioniª (Allegato 3 elaborato finale, pag. 5).

2002-2003 Collabora in qualita' di Componente del Comitato tecnico-scientifico alla realizzazione del progetto: ´Le pari opportunita' nell'Europa che cambia: politiche progettazione esperienzeª, nell'ambito del Fondo Sociale Europeo Misura E1 (Allegato 4 pubblicazione, pag. 230).

2003-2004 In rappresentanza della Consulta Femminile dell'AICCRE collabora alla realizzazione del progetto promosso dal CCRE nell'ambito del V programma di azione per...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA