DECRETO 17 luglio 1998, n. 256 - Regolamento recante norme sulle agevolazioni per gli autoveicoli alimentati a metano o a gas di petrolio liquefatto (GPL)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO

Visto il decreto-legge 25 settembre 1997, n. 324, convertito, con modificazioni, nella legge 25 novembre 1997, n. 403, recante ulteriori interventi in materia di incentivi per la rottamazione e in particolare l'articolo 1 che, al comma 2, secondo e terzo periodo, prevede l'adozione, da parte del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, di un decreto che determini priorita', criteri, modalita', durata ed entita' delle agevolazioni per l'acquisto di autoveicoli alimentati a metano o a gas di petrolio liquefatto (GPL) nonche' agevolazioni per l'installazione di impianti di alimentazione a metano o a GPL; Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; Udito il parere del Consiglio di Stato espresso dalla sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 2 luglio 1998; Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo 17, comma 3, della citata legge n. 400/1988 (nota n. 3117 del 15 luglio 1998);

A d o t t a il seguente regolamento: Art. 1.

Soggetti beneficiari

1. Possono fruire del contributo previsto dall'articolo 1, comma 2, secondo e terzo periodo, del decreto-legge 25 settembre 1997, n. 324, convertito, con modificazioni, nella legge 25 novembre 1997, n. 403, le persone fisiche: a) che acquistano, in Italia, anche in locazione finanziaria, un autoveicolo nuovo di fabbrica omologato anche o esclusivamente a metano o a gas di petrolio liquefatto (GPL); b) che provvedono alla installazione di impianto di alimentazione a metano o a GPL su autoveicolo di proprieta' e di cui risulti l'intestazione alla persona fisica medesima, od ai suoi familiari conviventi, entro un anno successivo alla data di prima immatricolazione dello stesso, purche' quest'ultima abbia avuto luogo a partire dal 1 agosto 1997.

Art. 2.

E n t i t a'

1. Il contributo e' stabilito nella misura di lire 800.000 nei casi previsti dalla lettera a) dell'articolo 1 e nella misura di lire 600.000 nel caso di cui alla lettera b) dello stesso articolo 1.

Art. 3.

O g g e t t o

1. L'agevolazione consiste nella detrazione dal prezzo di vendita o dal prezzo dell'installazione di una somma, pari al contributo come stabilito dall'articolo 2, che il costruttore o l'importatore dell'autoveicolo ovvero l'installatore dell'impianto a gas metano o GPL riconosce al soggetto che acquista un autoveicolo nuovo ovvero al soggetto che fa installare l'impianto a gas metano o a GPL.

2. Per autoveicolo si intende una autovettura o un autoveicolo per trasporto promiscuo, di cui all'articolo 54, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285.

3. Il contributo per l'installazione di un impianto di alimentazione a gas metano o GPL puo' essere corrisposto anche per un autoveicolo il cui proprietario abbia gia' fruito delle incentivazioni di cui all'articolo 29 del decreto-legge 31 dicembre 1996, n. 669, convertito, con modificazioni, in legge 28 febbraio 1997, n. 30, nonche' all'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 25 settembre 1997, n. 324, convertito in legge 25 novembre 1997, n. 403.

Art. 4.

D u r a t a

1. Il contributo e' riconoscibile per acquisti a partire dal 1 agosto 1998 e per installazioni effettuate a partire dalla data di entrata in vigore del presente regolamento.

2. Al fine di stabilire la data di acquisto e la data di installazione, fanno fede rispettivamente la richiesta di iscrizione al P.R.A. del contratto stipulato con il venditore ed il collaudo all'ufficio provinciale della motorizzazione civile.

Art. 5.

M o d a l i t a'

1. Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l'importo del contributo e recuperano detto importo, quale credito d'imposta, per il versamento...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA