Vogliono Rubarci Anche La Casa, Così La Finanza Internazionale Vuol Fare Cassa Sul (Nostro) Mattone

Autore:Sforza Fogliani Corrado
Pagine:539-539
 
ESTRATTO GRATUITO
539
Arch. loc. cond. e imm. 5/2017
Bibliograa
Sforza Fogliani Corrado
VOGLIONO RUBARCI ANCHE LA CASA,
COSÌ LA FINANZA INTERNAZIONALE VUOL
FARE CASSA SUL (NOSTRO) MATTONE
ed. Società europea di Edizioni spa, pag. 50, in 16° ca,
euro 2,50
Nella pubblicazione (edita nella collana “fuori dal coro”),
l’Autore – direttore scientifico di questa Rivista e storico
presidente di Confedilizia nonché, attualmente, di Asso-
popolari – sostiene la tesi (documentandola con dati e
ineccepibili argomentazioni) che l’abbattimento dei valori
immobiliari risponda ad un preciso disegno della finanza
internazionale, che vuole indirizzare gli investimenti de-
gli italiani (ancora, invece, affezionati alla casa) verso gli
investimenti finanziari, che negli altri Paesi hanno infatti
un livello molto superiore a quello che hanno in Italia. L’ar-
gomento dell’investimento immobiliare viene dall’Autore
trattato a 360 gradi, con ampio riferimento anche alla man-
cata riforma del Catasto, considerata un successo dato che
si voleva in sostanza transitare da un Catasto reddituale
(come lo Stato liberale ha sempre voluto che fosse, anche
come base di una uguale tassazione) a un Catasto patrimo-
niale (com’era tipico degli Stati preunitari) e che avrebbe
colpito non i redditi, ma il patrimonio nel suo valore – vero
o come ipotizzato dall’Agenzia delle Entrate – e, comun-
que, indipendentemente dal reddito prodotto, discrasia
che provoca – nei casi in cui la tassazione non può essere
corrisposta col ricavato del bene colpito – la progressiva
ablazione del bene. Tant’è – ricorda l’Autore – che in Ger-
mania la Costituzione presidia l’avvenire dei cittadini da
questa espropriazione surrettizia vietando che la tassa-
zione colpisca un bene oltre il reddito che esso produce.
Norma che non è presente nella Costituzione italiana, che
così espone gli italiani – unitamente alla voracità del Fisco,
determinata dalla volontà politica in funzione clientelare e
dalla enorme spesa pubblica – al pericolo anzidetto.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA