Sentenza Nº 51523 della Corte Suprema di Cassazione, 15-11-2018

Data di Resoluzione:15 Novembre 2018
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE
DI MILANO
nei confronti di:
VOLONTE' LUCA GIUSEPPE N. IL 17/03/1966
avverso la sentenza n. 1755/2017 TRIBUNALE di MILANO, del
13/02/2018
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 18/10/2018 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. SERGIO BELTRANI
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. ?e
s...-
(;
t
41,..t.,:
i
che
ha concluso per
43,1Z
co
-
tno )
,
A. q--
A
-
1,c1.1)-ZcgASZ. )1/41,e; eir Ufk
era.A.k.
(
)
Ak, o eli o
AA.g
,
)-~-
0
cztAA
Q...
-
to
o izru(
i
J2A_
ru-rek-'
71
4
J
Udito, per
.„
1
rte civile, l'Avv
Ui i difensor
Avv.
Penale Sent. Sez. 2 Num. 51523 Anno 2018
Presidente: CAMMINO MATILDE
Relatore: BELTRANI SERGIO
Data Udienza: 18/10/2018
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
RITENUTO IN FATTO
_a Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano ricorre contro la sentenza indicata
in epigrafe (con la quale il Tribunale di Milano ha assolto l'imputato VOLONTE' LUCA
GIUSEPPE, in atti generalizzato, dal reato di riciclaggio ascrittogli perché il fatto non sussiste,
con sentenza dichiaratamente deliberata
ex
art. 129 c.p.p.) denunziando - dopo aver
riepilogato i fatti oggetto d'imputaziole, ed aver premesso, in rito, che la forma
d'irr p_ignazione prescelta s'imponeva per essere intervenuta la decisione impugnata prima
de
lia riapertura del dibattimento - contraddittorietà e manifesta illogicità della motivazione
delia :;entenza impugnata (in particolare quanto al riferimento alla corruzione come reato
presupposto ed alla implicita, ma asseritamente errata, valutazione di assenza del necessario
dol:)
data 2.10.2018 sono pervenute note difensive nell'interesse dell'imputato,
con
riche
-
sta di rigetto del ricorso.
\l odierna udienza pubblica, è stata verificata la regolarità degli avvisi di rito; all'esito, la
parte presente ha concluso come da epigrafe, ed il collegio, riunito in camera di consiglio, ha
deciso come da dispositivo in atti, pubblicato mediante lettura in udienza.
CONSIDERATO IN DIRITTO
:I
ricorso, proposto
per saltum
per vizi di motivazione, deve essere convertito, ai sensi
del ai
-
:. 569, comma 3, c.p.p., in appello.
n'ero, il presupposto in rito cui il P.M. ricorrente ha ricollegato la necessità di impugnare
la 3entenza indicata in epigrafe con ricorso per cassazione (essere intervenuta la decisione
imr:minata prima della riapertura del dibadimento) non corrisponde al vero: come emergente
dal verbale dell'udienza 16.1.2018 (e come per la verità chiaramente indicato anche dalla
sery.e
-
iza impugnata - purtroppo non recante numerazione delle pagine - nell'ambito della
parte che riepiloga lo svolgimento del processo), dopo la celebrazione della fasi iniziali del
dibEttimento dinanzi a collegio diversamente composto, all'udienza 16.1.2018 veniva disposta
la rir novazione del dibattimento per diversa composizione, con nuova dichiarazione di
apo
-
Lira del dibattimento inequivocabilmente verbalizzata
(
coiwgio è diversamente composto e pertanto dichiara nuovamente aperto il dibattimento»).
Di conseguenza, come già chiarito da iuesta Corte con orientamento univoco (il contrasto
esktente riguarda la corretta forma d'impugnazione della sentenza predibattimentale), la
seri
-
e
-
za impugnata, essendo stata pronunciata in pubblica udienza dopo la costituzione delle
parti la dichiarazione di (ri)apertura del dibattimento, sia pure ai sensi dell'art. 129 c.p.p.,
va ( o
-
lunque considerata come sentenza dibattimentale ed è, pertanto, soggetta all'appello,
2
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
qua unque sia il
nomen iuris
attribuitole dal giudice (Sez. II, sentenza n. 2153 del 16.1.2016,
dep :l017, Rv. 269002).
2ontro la sentenza impugnata sarebbe naturalmente proponibile anche il ricorso
per
ma non per vizi di motivazione.
krtanto, qualificata l'impugnazione come appello, s'impone la trasmissione degli atti alla
Colle d'Appello di Milano.
P.Q.M.
Alalificata l'impugnazione come appello, dispone la trasmissione degli atti alla Corte di
Appal.o di Milano.
2osì deciso in Roma, udienza pubblica 18 ottobre 2018
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA