Sentenza Nº 51437 della Corte Suprema di Cassazione, 02-12-2016

Data di Resoluzione:02 Dicembre 2016
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da
Capasso Pietro, nato a Avellino in data 1/05/1991,
avverso l'ordinanza del 31/03/2014 del Tribunale del riesame di Napoli;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Carlo Renoldi;
udito il Pubblico Ministero, in persona del sostituto Procuratore generale dott.
Aldo Policastro, che ha concluso chiedendo l'annullamento senza rinvio
dell'ordinanza impugnata;
udito, per il ricorrente, l'avv. Daniela Agnello la quale ha concluso chiedendo
l'accoglimento del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1. Con ordinanza del 31/03/2014, il Tribunale del riesame di Napoli rigettò
l'istanza di riesame presentata da Pietro Capasso, titolare di impresa individuale
intermediaria, per l'Italia, della
Stanleybet Malta Limited,
società di diritto
maltese del gruppo
Stanley International Betting,
confermando il decreto di
sequestro preventivo emesso dal Giudice per le indagini preliminari presso il
Tribunale di Noia in data 1/03/2014, relativo ad alcune attrezzature strumentali,
di proprietà della predetta impresa, utilizzate per la raccolta di scommesse
sportive o su altri eventi.
In particolare, a seguito di un controllo effettuato dalla Guardia di Finanza
presso l'esercizio gestito dall'odierno ricorrente, era emerso che Capasso non
risultava in possesso dell'autorizzazione di polizia prevista dall'art. 88 del
Penale Sent. Sez. 3 Num. 51437 Anno 2016
Presidente: AMORESANO SILVIO
Relatore: RENOLDI CARLO
Data Udienza: 15/09/2016
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA