Sentenza Nº 38028 della Corte Suprema di Cassazione, 13-09-2019

Data di Resoluzione:13 Settembre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da
Ranieri Antonio, nato a Napoli il 27/8/1948,
avverso la sentenza del 19/12/2017 della Corte di appello di Firenze;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Carlo Renoldi;
udito il Pubblico ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale,
Assunta Cocomello, che ha concluso chiedendo l'annullamento con rinvio della
sentenza impugnata ove il reato non si sia già estinto per prescrizione;
udito, per l'imputato, l'avv. Antonio Marino, che ha concluso chiedendo
l'accoglimento del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1. Con sentenza in data 19/12/2017, la Corte di appello di Firenze confermò
la sentenza del Tribunale di Grosseto in data 22/1/2015, emessa a seguito di
giudizio abbreviato, con la quale Antonio Ranieri era stato condannato alla pena
di 3 anni e 4 mesi di reclusione e di 50.000,00 euro di multa in quanto ritenuto
colpevole del delitto di cui all'art. 12, comma 3, lett.
d),
del d.lgs. 25 luglio 1998,
n. 286, per avere, al fine di trarne profitto, compiuto atti diretti a procurare
l'ingresso illegale di 5 cittadini extracomunitari (Tarik El Jabari, Nourddine
Lemouaden, Ettaher El Hassam, Soulami Zine El Abidine, Ahmed M'Zirda),
provvedendo a richiedere i nullaosta all'ingresso sulla base del falso presupposto
della loro assunzione quali operai presso l'omonima ditta individuale e presso la
azienda agricola "I prodotti della natura" di cui egli era legale rappresentante; e
Penale Sent. Sez. 1 Num. 38028 Anno 2019
Presidente: MAZZEI ANTONELLA PATRIZIA
Relatore: RENOLDI CARLO
Data Udienza: 09/04/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA