Sentenza Nº 14395 della Corte Suprema di Cassazione, 02-04-2019

Court:Sesta Sezione (Corte Suprema di Cassazione di Italia)
ECLI:ECLI:IT:CASS:2019:14395PEN
Judgement Number:14395
Presiding Judge:PETRUZZELLIS ANNA
Writing for the Court:COSTANTINI ANTONIO
SENTENZA
sui ricorsi proposti da:
1.
Testa Alberto nato a Roma il 04/12/1963
2.
D'Alessandri Giuseppe nato a Viggiano il 08/02/1956
3.
Santini Emilio nato a Roma il 19/04/1958
4.
Maggiorini Andrea nato a Milano il 20/03/1987
avverso la sentenza del 22/02/2018 della Corte di appello di Roma
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Antonio Costantini;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale
Mariella De Masellis che ha concluso chiedendo l'inammissibilità del ricorso di
Maggiorini Andrea ed il rigetto dei ricorsi di Testa Alberto, D'Alessandri
Giuseppe e Santini Emilio;
uditi i difensori, l'avv. Valerio Spigarelli - in difesa di Santini Emilio -, l'avv.
Raffaele Corrado Oliviero e l'avv. Eliana Furlan - in difesa di D'Alessandri
Giuseppe e l'avv. Marco Cesaretti - in difesa di Testa Alberto - che hanno
insistito per l'accoglimento dei ricorsi.
Penale Sent. Sez. 6 Num. 14395 Anno 2019
Presidente: PETRUZZELLIS ANNA
Relatore: COSTANTINI ANTONIO
Data Udienza: 27/11/2018
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
RITENUTO IN FATTO
1. Emilio Santini, Alberto Testa, Andrea Placido Maggiorini e Giuseppe
D'Alessandri ricorrono avverso la sentenza della Corte di Appello di Roma che, in
parziale riforma della sentenza del Tribunale di Roma del 26 Settembre 2016:
1)
quanto a Santini, ha rideterminato la pena in anni dodici di reclusione ed
euro 120.000 di multa, confermando la responsabilità per il delitto di illecita
importazione di cocaina,
ex
artt. 110 e 112, comma 1, n. 2, cod. pen., 73,
commi 1 e 6, 80, comma 2, del d.P.R. 9 settembre 1990, n.309, 3 e 4, I. 16
marzo 2006, n. 146 (capo B) e il delitto di tentata illecita importazione di cocaina
ex
artt. 56, 110, 112 comma 1, n. 2 cod. pen., 73, commi 1 e 6, d.P.R. 9
settembre 1990, n.309, 3 e 4 I. I. 16 marzo 2006, n. 146 (capo C ed E);
2)
quanto a D'Alessandri e Testa, ha rideterminato la pena in anni tredici di
reclusione ed euro 130.000 di multa ciascuno, confermando la responsabilità per
il delitto di illecita importazione di cocaina in ingente quantità
ex
artt. 110, 112,
comma 1, n.2, cod. pen., 73, commi 1 e 6, 80, comma 2, d.P.R. cit., 3 e 4 I. 16
marzo 2006, n. 146 (capo B);
3)
per Maggiorini, preso atto del concordato intervenuto tra le parti, ha
rideterminato la pena in anni due di reclusione ed euro 8.000 di multa,
revocando la pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici
ex
art. 28 e ss
cod. pen., confermando la condanna in ordine al delitto di illecita importazione di
cocaina
ex
artt. 56, 110, 112, comma primo, n.2, cod. pen., 73, commi 1 e 6,
d.P.R. 309/90, 3 e 4 I. 146/2006 (capo E).
Il capo B) vede D'Alessandri, Testa e Santini concorrenti, unitamente ad altri
soggetti per i quali si è proceduto separatamente (in numero superiore a
cinque), nell'importazione da Santo Domingo, ove operava altro complice
(Colangelo) in contatto con il fornitore noto come "Er Banana", dell'ingente
quantitativo di chilogrammi 283,145 di cocaina tagliata con sostanza pericolosa
per i consumatori (Levamisolo), occultata all'interno di un
container
giunto per
mezzo di una nave al porto di Genova, tra il giugno e il 18 settembre 2013.
I capi C) e E) vedono Santini, quale finanziatore e destinatario, e
Maggiorini, limitatamente al capo E), concorrere con altri soggetti, nel tentativo
di importare da Santo Domingo, sempre per mezzo del complice che ivi operava
(Colangelo) in contatto con il fornitore "Er Banana", per mezzo di corrieri che
avrebbero dovuto occultare chilogrammi 50 e 60 di cocaina, sostanza
stupefacente che sarebbe dovuta giungere in Italia all'interno di bagagli, su
2
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA