Sentenza Nº 11068 della Corte Suprema di Cassazione, 10-06-2020

Data di Resoluzione:10 Giugno 2020
 
ESTRATTO GRATUITO
Civile Se n
t.
Sez. 1 Num. 11068 Anno 2020
Presidente: CAMPANILE PIETRO
Relatore: SCALIA LAURA
Data pubblicazione: 10/06/2020
SENTENZA
sul ricorso
16795/2014
proposto da:
Banci Giancarlo Enrico, Romolini Franca Maria,
elettivamente
domiciliati in Roma, Via Barnaba Tortolini n. 13, presso lo studio
dell'avvocato Mario Ettor,= Verino, che
li
rappresenta e difende
unitamente
all'avvocato Franco Bruno Campagni, giusta procura a
margine
del ricorso
-ricorrenti
-
contro
Azienda
USL
di 4 Prato, in persona del
direttore
generale
pro-
tempore,
elettivamente
domiciliata
in Roma, Via del Viminale
n.
43,
presso lo
studio
dell'avvocato
Fabio Lorenzoni,
rappresentata
e
difesa
dall'avvocato
Francesco Grignolio, giusta procura in calce al
controricorso
e ricorso incidentale
-controricorrente
e
ricorrente
incidentale -
contro
Banci Giancarlo Enrico, Romolini Franca Maria,
elettivamente
domiciliati
in Roma, Via Barnaba
Tortolini
n. 13, presso lo
studio
dell'avvocato
Mario Ettore Verino, che li
rappresenta
e
difende
unitamente
all'avvocato
Franco Bruno Campagni, giusta procura a
margine
del ricorso principale
-controricorrenti
al
ricorso incidentale -
avverso
la
sentenza
n.
23/2014
della
CORTE
D'APPELLO di FIRENZE,
depositata il
09/01/2014;
udita
la
relazione della causa svolta nella pubblica udienza del
12/12/2019
dal Cons. Laura Scalia;
udito il P.M.,
in
persona del
Sostituto
Procuratore Generale
dott.
Stanislao
DE
MATTEIS, che
ha
concluso per
il
rigetto
del ricorso
principale e di quello incidentale, come da requisitoria scritta
depositata in
atti;
udito,
per
i
ricorrenti,
l'avvocato
Franco Bruno Campagni che
si
riporta agli
scritti
difensivi ed insiste
per
l'accoglimento;
udito,
per
la
controricorrente
e
ricorrente
incidentale l'Azienda USL
4 Prato,
l'Avvocato
Francesco Grignolio che
si
riporta.
FATTI
DI
CAUSA
l.
La
Corte di appello di Firenze, con
la
sentenza in
epigrafe
indicata, decidendo sulla
domanda
di
determinazione
dell'indennità

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA