COMUNICATO - Riforma organizzativa della Vigilanza della Banca d'Italia. Procedimenti amministrativi e provvedimenti normativi. (14A00397)

 
ESTRATTO GRATUITO

Con deliberazioni del Consiglio Superiore della Banca d'Italia, rispettivamente del 31 ottobre e del 20 dicembre 2013, sono state approvate la revisione del modello organizzativo dell'Amministrazione Centrale della Banca, attraverso l'istituzione del nuovo modulo del Dipartimento in luogo dell'Area Funzionale, e la creazione del Dipartimento Vigilanza bancaria e finanziaria. L'organizzazione della Vigilanza nel nuovo Dipartimento e' stata riconfigurata per rafforzare l'efficacia dell'attivita' di controllo sugli intermediari alla luce degli importanti cambiamenti in atto, quali le innovazioni dell'assetto regolamentare conseguenti alla crisi economica e l'imminente avvio del Sistema unico di vigilanza europeo (SSM). E' stata pure tenuta presente l'esigenza di razionalizzare i processi decisionali e di accrescere integrazione e flessibilita' delle strutture organizzative preposte alla Vigilanza. La riforma organizzativa ha decorrenza dal 27 gennaio 2014: a partire da tale data la precedente Area funzionale Vigilanza bancaria e finanziaria viene sostituita dal Dipartimento Vigilanza bancaria e finanziaria, composto da 8 Servizi. La riorganizzazione determina, tra l'altro, lo spostamento di alcune competenze amministrative da una struttura all'altra e la modifica della denominazione delle strutture stesse. In ragione di cio', con il presente provvedimento si procede ad aggiornare al nuovo assetto organizzativo: i) i criteri per l'individuazione delle unita' organizzative responsabili dei procedimenti amministrativi in materia di vigilanza di competenza dell'Istituto (par. 1);

ii) la disciplina dei poteri sostitutivi in caso di inerzia nella conclusione dei procedimenti amministrativi in tale materia (par. 2);

iii) i riferimenti alle strutture organizzative della Vigilanza contenuti nella normativa della Banca d'Italia diversa da quella concernente i procedimenti amministrativi relativi all'esercizio delle funzioni di vigilanza in materia bancaria e finanziaria (par. 3). 1. Individuazione delle unita' organizzative responsabili dei procedimenti amministrativi in materia di vigilanza L'art. 9 del provvedimento del 25 giugno 2008 (1) (di seguito: «il Regolamento"), per l'individuazione delle strutture responsabili di ciascun procedimento o fase procedimentale, fa rinvio all'elenco allegato al Regolamento stesso;

per i casi in cui l'elenco indica piu' unita' organizzative in alternativa, consente di identificare univocamente il responsabile sulla base della natura...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA