n. 130 SENTENZA 26 maggio - 7 luglio 2015 -

 
ESTRATTO GRATUITO

ha pronunciato la seguente SENTENZA nel giudizio di legittimita' costituzionale della legge della Regione Basilicata 11 luglio 2014, n. 17 (Misure urgenti concernenti il patto di stabilita' interno), promosso dal Presidente del Consiglio dei ministri, con ricorso spedito per la notifica il 12 settembre 2014, depositato in cancelleria il 19 settembre 2014 ed iscritto al n. 70 del registro ricorsi 2014. Visto l'atto di costituzione della Regione Basilicata;

udito nell'udienza pubblica del 26 maggio 2015 il Giudice relatore Giuliano Amato;

uditi l'avvocato dello Stato Gabriella Palmieri per il Presidente del Consiglio dei ministri e l'avvocato Beniamino Caravita di Toritto per la Regione Basilicata. Ritenuto in fatto 1.- Con ricorso spedito per la notifica il 12 settembre 2014 e depositato il successivo 19 settembre (reg. ric. n. 70 del 2014), il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall'Avvocatura generale dello Stato, ha impugnato la legge della Regione Basilicata 11 luglio 2014, n. 17 (Misure urgenti concernenti il patto di stabilita' interno), per violazione degli artt. 117, terzo comma, e 119 della Costituzione. La legge regionale si compone di due articoli. L'art. 1 stabilisce che «Nell'esercizio dei poteri di legislazione concorrente, attribuita alle Regioni dagli articoli 117 e 119 della Costituzione della Repubblica Italiana, in materia di coordinamento della finanza pubblica, sono autorizzati, in aggiunta a quelli consentiti in attuazione dei principi sanciti dall'articolo 1, comma 448, della legge n. 228/2012, i pagamenti effettuati a fronte di spese di investimento in conto capitale per un importo corrispondente a quello delle risorse autonome di natura ne' tributaria ne' sanzionatoria iscritte nel titolo primo delle entrate del Bilancio di previsione». L'art. 2 reca la dichiarazione d'urgenza, disponendo che la legge entri in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione. 1.1.- Ad avviso del ricorrente, la disciplina del patto di stabilita' interno, ponendo obiettivi e vincoli alla gestione finanziaria delle Regioni e degli enti locali, rientrerebbe nella materia del «coordinamento della finanza pubblica», di cui agli artt. 117, terzo comma, e 119 Cost., e dunque dovrebbe rispettare i principi fondamentali posti dal legislatore statale. La legge regionale impugnata, al contrario, incidendo direttamente sui livelli generali del patto di stabilita' interno e sulla sua osservanza, invaderebbe la competenza statale in materia di «coordinamento della finanza pubblica». 1.2.- Secondo il ricorrente, inoltre, il censurato art. 1, comma 1, nel far riferimento alle «risorse autonome di natura ne' tributaria ne' sanzionatoria iscritte nel titolo primo delle entrate del Bilancio di previsione», determinerebbe l'inclusione tra tali entrate dei proventi derivanti da attivita' di estrazione di idrocarburi, comprese le cosiddette royalties. Anche tale inclusione contrasterebbe con i principi generali della finanza pubblica, in quanto la percentuale sulle royalties costituirebbe un'entrata certa per lo Stato, che verrebbe sottratta alla sua destinazione, cosi' modificando l'assetto del bilancio statale definito dalla legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge di stabilita' 2014). 2.- Con atto depositato il 24 ottobre 2010 si e' costituita in giudizio la Regione Basilicata, chiedendo che la questione sia dichiarata inammissibile e comunque infondata. 2.1.- Ad avviso della Regione, con la legge impugnata il legislatore regionale si sarebbe mosso all'interno degli spazi normativi riconosciuti dagli artt. 117, terzo comma, e 119 Cost., provvedendo a svincolare eccedenze finanziarie di natura aggiuntiva per destinarle a interventi di sviluppo del proprio territorio. La disposizione regionale, pertanto, costituirebbe attuazione, non gia' deroga, dei principi desumibili dal quadro di riferimento statale, in quanto si collocherebbe nel solco della tendenza statale - di cui sarebbe espressione l'art. 32, comma 4, della legge 12 novembre 2011, n. 183 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge di stabilita' 2012) - ad escludere progressivamente talune voci di spesa dai limiti del patto di stabilita'. 2.2.- Secondo la Regione, inoltre, il censurato art. 1 non intenderebbe affatto sottrarre entrate certe per il bilancio dello Stato, in quanto si riferirebbe a royalties di spettanza regionale. La legislazione nazionale avrebbe...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA