COMUNICATO - Rinnovo della concessione mineraria per lo sfruttamento di acque minerali denominata «Lipiani - Fonte del Lupo» nel territorio dei comuni di Altare, Mallare e Quiliano. Richiedente: Terme Vallechiara S.p.a. (Deliberazione 17 novembre 2006).

 
ESTRATTO GRATUITO

LA GIUNTA REGIONALE

Omissis

Delibera:

1) Alla Societa' Terme Vallechiara S.p.A., con sede in Altare (Savona) - Regione Lipiani, indicata nelle premesse, in considerazione del programma di coltivazione e degli investimenti economico-finanziari che intende sostenere, e' rinnovata la concessione mineraria per lo sfruttamento di acque minerali, denominata ´Lipiani Fonte del Lupoª, nel territorio dei comuni di Altare, Malline e Quiliano (Savona), per la durata di anni trenta a decorrere dal 21 maggio 2006, con annesso stabilimento di imbottigliamento nel comune di Altare (Savona).

2) La superficie della concessione, pari a ettari 198, are 1, centiare 75, entro la quale la Societa' titolare potra' eseguire i lavori di sfruttamento minerario, e' la stessa indicata nell'originario decreto del Prefetto della provincia di Savona del 22 maggio 1956, n. 2210, ed e' rappresentata da una linea nera continua sulla planimetria a curve di livello scala 1:5.000, allegata alla presente deliberazione.

3) La Societa' Terme Vallechiara S.p.a. e' tenuta:

a) a corrispondere alla Regione Liguria la tassa di concessione regionale di euro 1.666,09 (milleseicentosessantasei/09), nonche' - a norma dell'art. 23 della legge regionale n. 33/1977, citata - il canone annuo anticipato di euro 1.016,89 (millesedici/89), pari al diritto proporzionale annuo di euro 5,11 (cinque/11) per ettaro o frazione di esso, come previsto dal decreto dirigenziale n. 175 del 25 gennaio 2005;

b) ad eseguire il programma generale di coltivazione, trasmesso ai sensi dell'art. 16 della legge regionale n. 33/1977, citata;

c) ad inviare alla Regione, entro l'ultimo trimestre di ogni anno, il programma dei lavori previsto per l'anno successivo ed il consuntivo dei lavori eseguiti nell'anno di riferimento;

d) ad eseguire, ogni sei mesi, alla presenza di un dipendente della Regione, la misura della portata delle singole sorgenti;

e) a procedere, almeno ogni cinque anni, su campioni prelevati alla presenza di un dipendente regionale, all'esecuzione delle analisi fisiche, chimico-fisiche, farmacologiche e cliniche, nonche' - almeno una volta all'anno - all'effettuazione delle analisi batteriologiche;

f) a...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA