Introduzione

Autore:Antonio Cammelli; Elio Fameli
Pagine:XI-XIV
 
ESTRATTO GRATUITO

Nell'opera che qui si presenta sono state raccolte e coordinate numerose inalisi e riflessioni nell'intento d'offrire al lettore un quadro,il più possibile chiaro e articolato dei temi principali che è necessario esaminare in materia di tecnologie dell'informazione e diritto all'ambiente, il libro, tuttavia, non si propone come una mera rassegna d'informazioni ed esperienze atte a riprodurre lo stato dell'arte nel settore, ma aspira a configurarsi anche come strumento d'udita e occasione di stimolo per quanti - e sono ormai numerosi - siano coinvolti nel delicato settore dell'elaborazione e diffusione dell'informazione giuridica. A maggior titolo ciò vale per la documentazione relativa al diritto dell'ambiente; questo infatti si configura come una branca del diritto ancora di formazione relativamente recente, ma in costante e rapida espansione a causa di quel frenetico mutamento sociale cui si sta attualmente assistendo, sia a livello nazionale che transnazionale.

La tutela ambientale, ormai, non è più questione solo nazionale: essa esige che ci si ponga in una visione dilatata - si potrebbe dite planetaria - del problema, in cui sono chiamati in causa anche gli operatori giuridici, sollecitati a sperimentare nuove tecnologie documentarie orientate al diritto all'ambiente e quindi funzionai al pieno riconoscimento - per il singolo come per le comunità d'appartenenza - d'un diritto sempre più di frequente riconosciuto negli ordinamenti positiva ma quasi mai adeguatamente esercitabile.

In questa prospettiva ambiziosa un passaggio obbligato è rappresentato proprio dal riconoscimento del diritto all'informazione ambientale, come tappa necessaria e ineludibile all'interno d'un percorso spesso avviato, ma mai realmente concluso. Per cercare di fornire ai lettori precisi punti di riferimento può rilevarsi che l'opera che qui s'introduce ha come naturale premessa il volume dal titolo Diritto all'informazione ambientale e sistemi informativi mentati al cittadino, curato dagli scriventi e pubblicato dalla CEDAM nel marzo del 1996, all'interno dela collana '«Diritto e Ambiente», diretta da Giovanni Cordini presso l'Università di Pavia.

A questo primo riferimento deve accompagnarsi il rinvio ai contributi illustrati e al dibattito svoltosi (sul tema «Informatica, Diritto, Ambiente, Informatica e diritto all'informazione ambientale») durante l'incontro di studio organizzato in occasione della presentazione del libro citato (Roma. Consiglio...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA