DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 12 aprile 2018 - Modifica al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 novembre 2017, concernente la nomina del Commissario straordinario per il recupero degli aiuti di Stato dichiarati illegali con la decisione della Commissione europea C(2015) 5549 final del 14 agosto 2015. (18A03075)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni recante disciplina dell'attivita' di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri;

Vista la decisione della Commissione C(2015) 5549 final del 14 agosto 2015, notificata all'Italia in data 17 agosto 2015, riguardante le misure SA.33083 (2012/C) (ex 2012/NN), relativa alle agevolazioni fiscali e contributive connesse a calamita' naturali (concernenti tutti i settori esclusa l'agricoltura) e SA.35083 (2012/C) (ex 2012/NN), relativa ad agevolazioni fiscali e contributive connesse al terremoto del 2009 in Abruzzo (concernenti tutti i settori esclusa l'agricoltura);

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 novembre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale - anno 159°, n. 57 del 9 marzo 2018, concernente la nomina del commissario straordinario per il recupero degli aiuti di Stato dichiarati illegittimi con la decisione della Commissione europea C(2015) final del 14 agosto 2015;

Visto in particolare l'art. 3, comma 4, lettera c) del citato decreto, nella parte in cui prevede che il commissario straordinario, nel dare notizia dell'avvio del procedimento di recupero, ai sensi dell'art. 8 della legge 7 agosto 1990, n. 241, ai soggetti individuati secondo le modalita' di cui al comma 2 del medesimo articolo, invita i medesimi a presentare, a pena di decadenza, entro trenta giorni dalla comunicazione di avvio del procedimento, i dati relativi all'ammontare dei danni subiti per effetto del sisma del 2009 in quanto non in possesso dell'amministrazione procedente, e le eventuali osservazioni relative alle somme effettivamente percepite;

Considerato che, successivamente all'avvio degli adempimenti da parte del commissario, la durata del suddetto termine decadenziale, ritenuta congrua in fase di programmazione e di definizione delle fasi del procedimento di recupero, e' risultata tuttavia insufficiente, nella maggior parte dei casi, per presentare eventuali osservazioni relative alle somme effettivamente percepite e, soprattutto, per consentire a tutti i soggetti individuati di determinare in termini obiettivi e assoluti l'ammontare esatto dei danni subiti per effetto del sisma del 2009 e per documentarli tramite i mezzi di prova indicati dal commissario straordinario ai sensi della precedente lettera b) della medesima disposizione, tenuto conto anche della data dell'evento e delle circostanze...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA