DECRETO 3 febbraio 2016 - Riconoscimento dell'idoneita' al Centro «Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria - Centro di ricerca per la patologia vegetale (CREA-PAV)», in Roma, ad effettuare prove ufficiali di campo, finalizzate alla produzione di dati di efficacia. (16A01176)

 
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE dello sviluppo rurale Visto il decreto legislativo del 17 marzo 1995, n. 194 che, in attuazione della direttiva 91/414/CEE, disciplina l'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari;

Visti in particolare i commi 5, 6, 7 e 8 dell'art. 4 del predetto decreto legislativo 194/95;

Visto il decreto del Ministro della sanita' del 28 settembre 1995 che modifica gli allegati II e III del suddetto decreto legislativo 194/95;

Visto il decreto interministeriale 27 novembre 1996 che, in attuazione del citato decreto legislativo 194/95, disciplina i principi delle buone pratiche per l'esecuzione delle prove di campo e definisce i requisiti necessari al riconoscimento ufficiale dell'idoneita' a condurre prove di campo finalizzate alla registrazione dei prodotti fitosanitari;

Vista l'istanza presentata in data 17 dicembre 2014 dal Centro «Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria - Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale (CREA-PAV)», con sede legale in Via C.G. Bertero, 22 - 00156 Roma;

Visto l'esito favorevole della verifica della conformita' ad effettuare prove di campo a fini registrativi, finalizzate alla produzione di dati di efficacia di prodotti fitosanitari effettuata in data 10-11 dicembre 2015 presso il Centro «Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria - Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale (CREA-PAV)»;

Considerato che il suddetto Centro ha dichiarato di possedere i requisiti prescritti dalla normativa vigente, a far data dal 17 dicembre 2014, a fronte di apposita documentazione presentata;

Decreta: Art. 1 1. Il Centro «Consiglio per la ricerca in...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA