Circolari

Pagine:50-52
 
ESTRATTO GRATUITO
481
Arch. giur. circ. ass. e resp. 5/2018
Circolari
I
Circ. (A.C.I.) 7 marzo 2018, n. 752. Agevolazioni portatori di
handicap. Controlli intestazione veicoli. Disabile fiscalmente
a carico.
Come noto, a seguito di una interpretazione del Ministero
delle Finanze (cfr. Casistica nr. 483/2005) le agevolazioni IPT a
favore dei soggetti disabili possono essere concesse solo a condi-
zione che il disabile non risulti intestatario al PRA di altri veicoli
per i quali abbia già usufruito dell’agevolazione. Ciò in confor-
mità con quanto previsto in materia di Tasse Automobilistiche
dall’art. 8 L. n. 449/97 e dall’art. 30 comma 7 della L. n. 338/2000
e confermato dalla Circolare del Ministero delle Finanze n. 186
del 15 luglio 1998 e dalla Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate
n. 169 del 4 giugno 2002. Tale interpretazione sta creando delle
criticità qualora il disabile decida di vendere il veicolo, acquista-
to con l’esenzione IPT, di cui è intestatario al PRA e di acquistar-
ne uno nuovo. Infatti, in molti casi, l’esenzione sul nuovo veicolo
non può essere applicata perchè, pur avendo già venduto il pre-
cedente veicolo, questo ancora risulta al PRA intestato al disabi-
le. Ciò può accadere perchè, come noto, l’art. 94 del Codice della
Strada prevede che sia obbligato a chiedere la trascrizione al
PRA dell’atto di vendita e l’aggiornamento della Carta di Circo-
lazione il nuovo acquirente del veicolo e che tale aggiornamento
debba essere fatta entro 60 giorni dalla data dell’atto di vendita.
Pertanto il soggetto disabile rischia di vedere compromesso il
proprio diritto alle agevolazioni previste dalla legge a causa di
eventi (ritardi e inadempimenti nella trascrizione del trasferi-
mento di proprietà imputabili all’acquirente, tempi tecnici pre-
visti dalla legge) non dipendenti dalla propria volontà e in rela-
zione ai quali non può intraprendere alcuna azione immediata
per risolvere la questione. Alcune Province, di fronte alle legitti-
me contestazioni degli utenti disabili, per fare fronte alle proble-
matiche sopra evidenziate, hanno deciso di introdurre dei tempi
di “tolleranza”, riconoscendo le agevolazioni anche nel caso in
cui il disabile, al momento della richiesta di esenzione, risulti
intestatario di più di un veicolo a condizione però che il trasfe-
rimento di proprietà del veicolo venduto venga effettuato entro
un determinato lasso temporale. Tali interventi, pur essendo
apprezzabili perchè dimostrano una particolare attenzione delle
Province nei confronti di tali categorie di cittadini, non sono suf-
ficienti a risolvere il problema e purtroppo generano disparità di
trattamento sul territorio. Infatti, non tutte le Province hanno
adottato la soluzione sopra indicata e ogni Provincia ha stabilito
termini diversi. Alcune Province, tra l’altro, hanno predisposto
delle Dichiarazioni Sostitutive nelle quali fanno espressamen-
te dichiarare al soggetto disabile che il veicolo di cui è ancora
intestatario al PRA è stato venduto e che l’atto di vendita verrà
trascritto entro un determinato termine. Poiché. come già pre-
cisato in precedenza, la trascrizione è a carico dell’acquirente
e non del venditore, tali Dichiarazioni Sostitutive finiscono per
fare dichiarare eventi che non dipendono dal disabile il quale,
tra l’altro, può non averne diretta conoscenza. Per i motivi sopra
esposti e al fine di risolvere il problema legato all’adozione di
DS “personalizzate” da parte delle Province, questo Servizio ha
ritenuto di riproporre la questione all’attenzione del Ministero
dell’Economia e delle Finanze auspicando una soluzione che ri-
solva le criticità evidenziate. Nelle more del parere al citato Mi-
nistero (il cui contenuto sarà reso pubblico non appena arriverà
la risposta), si ritiene necessario semplificare il procedimento,
evitando di fare autocertificare al cittadino fatti, quali il numero
di veicoli intestati al disabile, che possono essere verificati d’uf-
ficio dal PRA evitando i controlli e le segnalazioni di cui agli artt.
71 e seg. D.P.R. n. 445/2000. A tale fine si trasmettono i nuovi fac-
simile di Dichiarazioni Sostitutive modificate in tale ottica. Per
le formalità già eseguite utilizzando i vecchi modelli, si prega di
non procedere a eventuali segnalazioni all’Autorità Giudiziaria
per falsa dichiarazione inerente, appunto, la doppia intestazio-
ne che dovrà essere verificata d’ufficio direttamente dal PRA.
Inoltre, in attesa, poi, del parere proposto al MEF, si ritiene op-
portuno sospendere i recuperi IPT, nei casi in parola. Pertanto,
qualora vengano trasmesse dalle Province tali tipologie di DS
“personalizzate” si invitano gli Uffici periferici a prendere con-
tatti con le Province stesse per evidenziare tale criticità e fare
presente che della problematica è stato interessato il MEF, per
cui sarebbe opportuno, nelle more, sospendere per il momento
l’adozione di tali Dichiarazioni. Con l’occasione, si ritiene uti-
le, portare a conoscenza degli Uffici il parere dell’Agenzia delle
Entrate - Direzione Regionale della Puglia, emesso a seguito di
interpello del contribuente, in merito alla definizione di “sogget-
to a carico” nel caso in cui il disabile sia fiscalmente a carico di
soggetto privo di reddito. Detta Agenzia ha precisato che la qua-
lificazione di “soggetto a carico” non possa essere pregiudicata
dalla circostanza che i beneficiari della detrazione non possano
fruire della stessa in assenza di redditi da dichiarare. In altri ter-
mini, ricorrendo le condizioni normativamente previste, l’impos-
sibilità di fruire delle detrazioni spettanti da parte degli aventi
diritto, non determina il venir meno della predetta condizione.
Ne deriva, quindi, che anche nel caso in cui il disabile sia a cari-
co di un familiare che non presenta la dichiarazione dei redditi,
e che quindi non può fruire del beneficio della detrazione IRPEF
del 19% per l’acquisto del veicolo, si applicano le agevolazioni
IPT. La presente Avvertenza verrà pubblicata nel Sito temati-
co STA “Informativa e lettere circolari”, accessibile da parte di
tutti gli STA tramite connessione al Dominio ACI. I modelli di
Dichiarazione Sostitutiva modificati verranno pubblicati, come
di consueto, anche sul sito ACI nella apposita sezione. (Omissis)
II
Circ. (Ag. Dogane) 27 marzo 2018, Prot. n. 35398/RU. Benefici
sul gasolio per uso autotrazione utilizzato nel settore del tra-
sporto. Rimborso sui quantitativi di prodotto consumati nel
primo trimestre dell’anno 2018.
Con riferimento all’agevolazione in oggetto, si fa presente
che, per quanto attiene ai consumi di gasolio effettuati tra il 1°
gennaio ed il 31 marzo dell’anno in corso, la dichiarazione neces-

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA