Circolari

Autore:Casa Editrice La Tribuna
Pagine:569-584
RIEPILOGO

I. Circolare (Min. int.) 16 aprile 2008, n. 300/A/1/33730/116/1/1. Decreto 19 dicembre 2007 - Ministero dei trasporti. Modifiche al disciplinare per le scorte tecniche nelle competizioni ciclistiche su strada, approvato con provvedimento del 27 novembre 2002. (...)

 
ESTRATTO GRATUITO

Page 569

@I. Circolare (Min. int.) 16 aprile 2008, n. 300/A/1/33730/116/1/1. Decreto 19 dicembre 2007 - Ministero dei trasporti. Modifiche al disciplinare per le scorte tecniche nelle competizioni ciclistiche su strada, approvato con provvedimento del 27 novembre 2002

Sulla Gazzetta Ufficiale* della Repubblica italiana n. 56 del 6 marzo 2008 è stato pubblicato il decreto 19 dicembre 2007, emanato dal Ministero dei trasporti di concerto con il Ministero dell'interno, recante modifiche al disciplinare per le scorte tecniche alle competizioni ciclistiche su strada, approvato con provvedimento del 27 novembre 2002 (All. 1).

Il provvedimento, che introduce novità nel procedimento di abilitazione del personale che svolge scorte tecniche, ha previsto la creazione di una nuova figura di soggetto che collabora con il personale di scorta tecnica alle manifestazioni ciclistiche, allo scopo di garantire un maggior livello di sicurezza alle manifestazioni stesse.

L'adozione del provvedimento sopraindicato impone la previsione di nuove disposizioni operative, a parziale modifica o integrazione di quelle già impartite con le circolari n. 300/A/1/42558/116/1/1 e n. 300/A/1/43369/116/1/1 rispettivamaente del 28 aprile e 16 giugno 2003.

  1. Requisiti morali per il rilascio o il rinnovo delle abilitazioni richieste per effettuare servizi di scorta tecnica o di segnalamento.

    L'art. 1 del disciplinare è stato modificato allo scopo di prevedere che il personale che effettua attività di scorta tecnica, ovvero di segnalazione aggiuntiva, debba avere compiuto i 18 anni e debba essere in possesso dei requisiti morali richiesti dall'art. 11 del T.U.L.P.S. Quest'ultima norma stabilisce che non è in possesso di tali requisiti chiunque:

    1) ha riportato una condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo e non ha ottenuto la riabilitazione;

    2) è sottoposto all'ammonizione o a misura di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza;

    3) ha riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l'ordine pubblico, ovvero per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, o per violenza o resistenza all'autorità;

    4) non abbia buona condotta.

    Il possesso dei requisiti soggettivi in argomento costituisce il presupposto per la valutazione dell'affidabilità del personale in argomento, i cui compiti sono caratterizzati da connotazioni pubblicistiche; per tale motivo, il legislatore ha richiesto a coloro che intendono svolgerli requisiti non dissimili da quelli richiesti per il rilascio di autorizzazioni di polizia.

    Per quanto riguarda il requisito della «buona condotta», nonostante che il carattere piuttosto indefinito della norma sembra possa lasciare un certo margine-apprezzamento discrezionale in capo all'Amministrazione che decide sull'ammissione, della persona, allo scopo di uniformare la valutazione a criteri quanto più possibili obiettivi, si ritiene che la condotta del richiedente debba essere valutata solo in funzione della presenza di precedenti di polizia che rendano manifesta, con riguardo all'attività da compiere, una sicura inaffidabilità del soggetto.

    Sull'argomento si richiamano le direttive impartite con la nota n. 559/C.17634.12981[23] del 30 ottobre 1996 che si allega in copia (All. 1 bis).

    Il possesso dei requisiti sopraindicati dovrà essere oggetto di autocertificazione da parte del richiedente il rilascio o il rinnovo delle abilitazioni a svolgere servizi di scorta tecnica o di segnalazione aggiuntiva, utilizzando l'allegato modulo (All. 2). La domanda di rilascio o rinnovo, il cui contenuto è disciplinato dal punto 4) della circolare n. 300/A/1/42588/116/1/1 del 28 aprile 2003, deve essere perciò integrata con la sottoscrizione, da parte dell'interessato, del modulo di autocertificazione allegato.

    Secondo le disposizioni generali in materia, dovranno essere svolti opportuni accertamenti sulla veridicità delle autocertificazioni, attraverso le informazioni contenute nella Banca dati delle Forze di polizia, su almeno il 10% delle domande presentate.

    Le nuove disposizioni circa il possesso dei requisiti morali sopraindicati trovano applicazione immediata per tutti i soggetti che presentano domanda di rilascio delle abilitazioni sopraindicate dopo l'entrata in vigore delle modifiche al Disciplinare Tecnico di cui trattasi. Per i soggetti già abilitati, invece, la verifica del possesso dei requisiti morali richiesti dovrà essere effettuata in occasione del primo rinnovo dell'abilitazione.

  2. Nuove modalità per gli esami di rinnovo delle abilitazioni per effettuare i servizi di scorta tecnica.

    L'art. 3 del Disciplinare per le scorte tecniche è stato modificato in modo da prevedere che gli esami di rinnovo delle abilitazioni per il personale che effettua scorte tecniche alle gare ciclistiche si svolga attraverso una prova selettiva a quiz con risposta multipla, anziché attraverso una prova orale. Tale procedura consentirà di effettuare le operazioni di rinnovo delle abilitazioni con maggiore celerità. Alla prova di cui trattasi, che si considera superata se il candidato risponde in modo corretto ad almeno 7/10 delle domande, si applicano le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell'art. 6 del Disciplinare per le Scorte Tecniche.

    Per consentire la corretta gestione delle prove di cui trattasi, sono state predisposte alcune schede d'esame che saranno inviate al più presto a codeste Direzioni.

    In occasione del rinnovo dell'abilitazione, per garantire l'uniformità su tutto il territorio nazionale, si ritiene necessario procedere alla ristampa dell'attestato di abilitazione con contestuale ritiro del vecchio documento.

    Page 570

  3. Abilitazione dei soggetti addetti alle segnalazioni aggiuntive.

    Accanto al personale che effettua attività di scorta tecnica alle gare ciclistiche che opera al seguito dei concorrenti con veicoli di scorta, è stata introdotta una nuova figura a cui sono attribuite funzioni di supporto a terra e che è incaricata di effettuare segnalazioni ai veicoli che provengono da strade laterali e che intendono immettersi sulla strada sulla quale si svolge la manifestazione.

    Questi soggetti, per svolgere le funzioni di segnalazione sopraindicate, devono essere abilitati secondo le disposizioni dell'art. 3 bis del Disciplinare Tecnico.

    L'abilitazione è rilasciata dal Dirigente del Compartimento a chi ha superato un apposito esame davanti ad una commissione, formata dai rappresentanti dell'Associazione o della Società sportiva presso la quale ha svolto un corso di formazione della durata di almeno 8 ore.

    Allo scopo di consentire un controllo sull'effettiva partecipazione ai corsi e sul superamento dell'esame, la novella normativa sopraindicata ha previsto che l'Associazione o la Società sportiva che organizza un corso di formazione per aspiranti addetti alle segnalazioni aggiuntive deve darne comunicazione al Compartimento della Polizia stradale competente per territorio.

    L'adempimento di tale obbligo sottende la necessità di uno stretto rapporto di collaborazione con gli Uffici della Polizia stradale chiamati a controllare la regolarità delle attività di formazione ed a vigilare sul corretto svolgimento degli esami di abilitazione. Codesti uffici, perciò, avranno cura di comunicare ai competenti organismi della Federazione Ciclistica Italiana e degli Enti di Promozione Sportiva affiliati al CONI la necessità di rispettare le sottindicate prescrizioni.

    3.1. Documentazione che devono presentare le Società sportive che intendono effettuare i corsi di formazione.

    L'Associazione o la Società sportiva che intende organizzare un corso di formazione per aspiranti addetti alle segnalazioni aggiuntive deve far pervenire al Compartimento della Polizia stradale, competente per territorio rispetto al luogo in cui si svolgerà il corso, l'allegata comunicazione (All. 3) contenente l'indicazione della sede del corso e dell'orario di svolgimento delle lezioni, l'elenco nominativo delle persone che hanno richiesto di parteciparvi, il nominativo ed i recapiti telefonici della persona designata a sovrintendere il corso, il nominativo dei docenti che terranno le lezioni e la data in cui sarà tenuto l'esame di abilitazione. Il documento dovrà pervenire al Compartimento della Polizia stradale almeno 15 giorni lavorativi antecedenti a quello in cui è previsto l'inizio del corso. Ogni modifica relativa alla data o al luogo di effettuazione del corso o degli esami dovrà essere tempestivamente comunicata, anche via fax, al Compartimento competente.

    Nella comunicazione, la Società sportiva deve autorizzare espressamente il personale incaricato dal Compartimento Polizia stradale a svolgere tutti i controlli che saranno necessari a verificare la regolarità del corso ed il rispetto delle disposizioni del Disciplinare circa la durata ed il programma, ivi compresi quelli che richiedono l'accesso ai locali dove si svolge il corso.

    3.2. Documentazione dell'effettuazione in corso.

    Al termine del corso di formazione, la persona designata sovrintendere il corso stesso deve redigere l'allegato verbale (All. 4), con il quale egli attesta la regolarità delle lezioni svolte e fornisce l'elenco delle persone che vi hanno partecipato. Ciascun aspirante deve sottoscrivere il documento per confermare la sua presenza a tutte le lezioni.

    3.3. Documentazione dello svolgimento degli esami di abilitazione.

    La commissione esaminatrice deve essere designata dall'Associazione o dalla Società sportiva che ha organizzato il corso attraverso una formale lettera di incarico nominativo.

    Al termine della sessione di esame, deve essere compilato l'allegato verbale d'esame (All. 5), che deve essere sottoscritto da tutti i membri della Commissione. Nel documento, oltre ai nominativi delle persone che hanno superato l'esame, devono essere indicati anche gli aspiranti che...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA