CIRCOLARE 3 agosto 2006, n. 2 - Applicazione dell'articolo 7 del decreto ministeriale 11 marzo 2005

 
ESTRATTO GRATUITO

Alle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura

All'Unioncamere

Al Ministero dei trasporti

Al Ministero dell'interno

Al Ministero del lavoro e della previdenza sociale e, per conoscenza

Alla Confindustria

All'Anfia

All'UNRAE

Alla Federaicpa

Alla Confartigianato

Alla C.N.A.

L'introduzione nell'Unione europea del cosiddetto «tachigrafo digitale» e' stata disposta dall'art. 2, paragrafo 1, lettera a), del regolamento (CE) n. 2135/98 del consiglio, nella parte in cui si prevedeva che: «i veicoli immessi in circolazione per la prima volta dopo ventiquattro mesi a decorrere dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita' europee dell'atto da adottare in virtu' dell'art. 17, paragrafo 2, del regolamento (CEE) n. 3821/85 (...) dovranno essere muniti di un apparecchio di controllo conforme alle disposizioni di cui all'allegato I B del regolamento (CEE) n. 3821/85». La data di tale introduzione, in virtu' dell'emanazione del regolamento (CE) n. 1360/2002 della commissione (pubblicato nella G.U.C.E. del 5 agosto 2002) che adeguava per la settima volta al progresso tecnico il regolamento (CEE) n. 3821/85 del consiglio relativo all'apparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada, era fissata dallo stesso art. 2, paragrafo 1, lettera a), in ventiquattro mesi dalla data di pubblicazione sopra citata e dunque al 5 agosto 2004. Successivamente, il regolamento (CE) 561/2006 del Parlamento europeo e del consiglio, del 15 marzo 2006, nel modificare il predetto art. 2, paragrafo 1 lettera a) del regolamento (CE) n. 2135/1998, ha previsto che dal ventesimo giorno successivo alla sua pubblicazione, i veicoli immessi in circolazione per la prima volta dovranno essere muniti di un apparecchio di controllo conforme alle disposizioni di cui all'allegato I B del regolamento (CEE) n. 3821/85.

La predetta disposizione, successivamente alla pubblicazione nella G.U.C.E. dell'11 aprile 2006, e' entrata in vigore il 1° maggio 2006.

Nelle more dell'entrata in vigore della predetta disciplina, il decreto ministeriale 21 febbraio 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 73 del 28 marzo 2006, in considerazione della non preventivabilita' dei tempi tecnici necessari per gli operatori ai fini dell'adempimento delle procedure per il rilascio della autorizzazioni ai centri tecnici di cui agli articoli 6...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA