Accertamenti tecnici non ripetibili

Pagine:441-443
 
ESTRATTO GRATUITO

    Le precedenti Rassegne di giurisprudenza pubblicate in questa Rivista hanno riguardato, rispettivamente, Casi di procedimento per decreto (1997, 523); Codice di procedura penale e Sezioni Unite (1995, 327); Dibattimento particolarmente complesso e sospensione dei termini custodiali (1999, 219); Esigenze professionali del difensore e sciopero di categoria (1996, 163); Garanzie di libertà del difensore (1997, 831); Il difensore delle parti private nel nuovo processo penale (1995, 721); L'irrevocabilità delle sentenze e dei decreti di condanna (1997, 715); La contestazione a catena (1997, 251); La conversione della pena pecuniaria nei confronti del condannato insolvibile (1999, 91); La L. 8 agosto 1995, n. 332: orientamenti giurisprudenziali (1996, 309); La magistratura antimafia (1995, 1069); La presunzione di innocenza (1998, 893); La rimessione dei processi (1995, 935); La richiesta di giudizio abbreviato (1997, 89); La riparazione a favore delle vittime di errori giudiziari e di ingiusta detenzione (1995, 525); La scelta delle misure cautelari personali (1995, 159); L'esame di persona imputata in un procedimento connesso (1996, 937); L'estradizione (1996, 655); L'udienza preliminare nell'evoluzione giurisprudenziale (1996, 483); L'utilizzazione delle intercettazioni telefoniche (1996, 823); La procura alle liti nel procedimento di riparazione per l'ingiusta detenzione (1997, 379); Il nuovo art. 513 c.p.p. (1998, 125); Le dichiarazioni indizianti (1999, 315); Modalità di documentazione dell'interrogatorio di persona in stato di detenzione (1998, 637); Persona offesa dal reato: possibilità di sottoscrivere personalmente il ricorso per cassazione (1998, 765).


Page 441

In tema di accertamenti tecnici fatti eseguire dal P.M., le garanzie difensive dettate, a pena di inutilizzabilità, dall'art. 360 c.p.p. riguardano solo gli accertamenti tecnici non ripetibili, vale a dire quelli che hanno ad oggetto persone, cose o luoghi soggetti a modificazioni tali da far perdere loro in tempi brevi ogni valenza probatoria in relazione ai fatti oggetto di indagini e di eventuale futuro giudizio. Pertanto, nell'ipotesi in cui il P.M. disponga consulenza tecnica su sostanze non soggette a modifica nel tempo presumibilmente necessario per la celebrazione del dibattimento, nessun avviso è tenuto a dare all'indagato e al suo difensore. (Con riferimento al caso di specie, in cui veniva in rilievo il reato di cui all'art. 73 D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, la Cassazione ha escluso che l'eroina e la cocaina possano definirsi come «cose soggette a modificazioni», osservando che si tratta di sostanze allo stato solido, non facilmente alterabili in tempi brevi, per le quali è sempre possibile, di regola, in dibattimento o nel corso delle indagini, avvalendosi dell'incidente probatorio, la sottoposizione a rituale perizia tossicologica).

    Cass. pen., sez. VI, 26 marzo 1993, n. 2999 (ud. 18 novembre 1992), Cornacchia, in Riv. pen 1993, 1255.


La consulenza tecnica disposta dal pubblico ministero, a norma dell'art. 360 c.p.p., che disciplina gli «accertamenti tecnici non ripetibili», senza che l'indagato si sia avvalso della possibilità di paralizzare l'iniziativa del P.M. (e comunque di rendere inutilizzabili nel dibattimento gli accertamenti e i risultati conseguiti), formulando riserva di promuovere incidente probatorio (art. 360 comma quarto), è legittimamente inserita nel fascicolo per il dibattimento (art. 431 lett. c, c.p.p.) ed utilizzata dal giudice, a norma degli artt. 511 e 526 stesso codice. (Nella specie, la Corte di cassazione ha ritenuto legittimo l'inserimento nel fascicolo per il dibattimento dell'accertamento tecnico, con la relazione illustrativa, tendente a descrivere ed accertare la natura e la maturazione di piante di canapa indiana e la possibilità di estrazione di sostanze stupefacenti, ossia stati e situazioni evidentemente soggetti a modificazione).

    Cass. pen., sez. VI, 11 maggio 1993, n. 4812 (ud. 22 febbraio 1993), Oliverio.


Il prelievo di urine, con conseguente esame analitico delle medesime ai fini di accertare...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA