Cross Factor S.p.A.

 
ESTRATTO GRATUITO

Notifica di cessioni di rapporti giuridici in blocco ai sensi dell'articolo 58 del Decreto Legislativo n. 385 del 1 settembre 1993,

come modificato e integrato (il "Testo Unico Bancario")

La societa' Cross Factor S.P.A. (intermediario finanziario costituito ed operante con la forma giuridica di una societa' per azioni, con sede legale in Via Giuseppe Colombo n. 24, Milano, Italia, codice fiscale, partita IVA. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 09490900157 e iscritta al numero 28103 dell'Elenco Generale tenuto dall'Ufficio Italiano Cambi ai sensi dell'articolo 106 del Testo Unico Bancario; di seguito "Cross Factor")

Comunica Che

(A) in data 3 agosto 2007, in forza di un contratto di cessione di crediti "individuabili in blocco" ai sensi degli articoli 58 e 90, secondo comma, del Testo Unico Bancario, come da autorizzazione della Banca d'Italia del 24 luglio 2007, a rogito del Dott. Pietro Costamante, Notaio in Palermo, SICILCASSA S.P.A. in liquidazione coatta amministrativa per decreto del Ministro del Tesoro 602529 del 5 settembre 1997 (societa' con sede in Palermo, Via Roma 183, codice fiscale e partita IVA 039800828, iscritta al Registro delle Imprese presso il Tribunale di Palermo al numero 38759; di seguito "Sicilcassa") ha ceduto pro-soluto a Cross Factor (che ha acquistato), ai sensi e per gli effetti dell'articolo 58 del Testo Unico Bancario, un portafoglio di crediti vantati dalla stessa Sicilcassa alla data del 30 giugno 2006, come analiticamente elencati nell'allegato A del richiamato contratto autorizzato con nota della Banca d'Italia n. 731702 del 24 luglio 2007 ai sensi degli articoli 90, secondo comma, e 58 del Testo Unico Bancario e che a quella stessa data erano connotati dai seguenti comuni elementi distintivi:

  1. crediti derivanti dall'erogazione di somme da parte di Sicilcassa S.p.A. in esecuzione di contratti di finanziamento stipulati in qualsiasi forma tecnica; e

  2. crediti in sofferenza (vale a dire ad esclusione di quelli in bonis o in via di regolare assolvimento) vantati nei confronti di Debitori o Gruppi Debitori (e per tali ultimi intendendosi quelli cosi' definiti nelle Istruzioni di Vigilanza per gli Enti Creditizi emanate dalla Banca d'Italia), ciascuno dei quali risultava complessivamente esposto per un importo inferiore a...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA