Vendita di eredità (Art. 1542 c.c.)

Autore:Cinzia De Stefanis
Aggiornato al:Settembre 2008
 
ESTRATTO GRATUITO

Page 264

Il signor . . . cede e vende a . . ., che accetta e acquista, tutti i diritti che gli spettano sull'eredità di . . ., nato a . . . il . . . domiciliato a . . ., deceduto in . . . il . . . (lasciando erede universale esso . . . con testamento olografo in data . . ., pubblicato e depositato in atti dr . . . con verbale . . . in data . . .), compresi i diritti di accrescimento eventualmente spettanti ad esso cedente, il quale immette il cessionario relativamente alla successione in suo luogo, vece e stato. . . . garantisce la propria qualità di erede e si obbliga a prestarsi agli atti che da parte sua saranno necessari per rendere efficace di fronte ai terzi la cessione di ciascuno dei diritti compresi nell'eredità.

Dichiara . . . di non avere finora percepito frutti di beni ereditari o riscosso crediti ereditari e non avere venduto beni dell'eredità, salvo quintali . . . di . . . il cui prezzo peraltro viene dispensato dal rimborsare. . . . si obbliga a rimborsare ad . . . il credito di euro . . . da esso . . . vantato verso l'eredità in dipendenza di scrittura privata...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA