DECRETO LEGISLATIVO 9 gennaio 2008, n.9 - Disciplina della titolarita'' e della commercializzazione dei diritti audiovisivi sportivi e relativa ripartizione delle risorse.

 
ESTRATTO GRATUITO

Titolo I

PRINCIPI E DEFINIZIONI

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la direttiva 89/552/CEE del Consiglio, del 3 ottobre 1989, come modificata dalla direttiva 97/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 giugno 1997;

Vista la legge 14 aprile 1975, n. 103;

Visto il decreto-legge 27 agosto 1993, n. 323, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 ottobre 1993, n. 422;

Visto il decreto-legge 23 ottobre 1996, n. 545, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 dicembre 1996, n. 650;

Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249;

Visto il decreto-legge 30 gennaio 1999, n. 15, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 marzo 1999, n. 78;

Visto il decreto-legge 23 gennaio 2001, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 marzo 2001, n. 66;

Visto il decreto-legge 24 dicembre 2003, n. 352, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2004, n. 43;

Vista la legge 31 luglio 2005, n. 177;

Visto il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, di recepimento delle direttive 2002/19/CE, 2002/20/CE, 2002/21/CE, 2002/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 marzo 2002;

Visto l'articolo 1 della legge 19 luglio 2007, n. 106;

Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 21 dicembre 2007;

Sulla proposta del Ministro per le politiche giovanili e le attivita' sportive e del Ministro delle comunicazioni, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, con il Ministro per le politiche europee e con il Ministro dello sviluppo economico;

E m a n a il seguente decreto legislativo:

Art. 1.

Principi

1. Il presente decreto legislativo reca, in attuazione dei principi e dei criteri sanciti dalla legge 19 luglio 2007, n. 106, disposizioni volte a garantire la trasparenza e l'efficienza del mercato dei diritti audiovisivi degli eventi sportivi di campionati, coppe e tornei professionistici a squadre e delle correlate manifestazioni sportive, organizzati a livello nazionale, ed a disciplinare la ripartizione delle risorse economiche e finanziarie assicurate dalla commercializzazione in forma centralizzata di tali diritti, in modo da garantire l'equilibrio competitivo fra i soggetti partecipanti alle competizioni e da destinare una quota di tale risorse a fini di mutualita'.

Avvertenza:

Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto ai sensi dell'art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge alle quali e' operato il rinvio. Restano invariati il valore e l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti.

Per le direttive CEE vengano forniti gli estremi di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita' europee (GUCE).

Note alle premesse:

- L'art. 76 della Costituzione stabilisce che l'esercizio della funzione legislativa non puo' essere delegato al Governo se non con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti.

- L'art. 87 della Costituzione conferisce, tra l'atro, al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le leggi ed emanare i decreti aventi valore di legge e i regolamenti.

- La direttiva 89/552/CE del Consiglio 3 ottobre 1989, relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti la fornitura di servizi di media audiovisivi (direttiva sui servizi di media audiovisivi) e' pubblicata nella G.U.C.E. 17 ottobre 1989, n. L 298.

- La direttiva 97/36/CE del Parlamento europeo e del

Consiglio del 30 giugno 1997, che modifica la direttiva

89/552/CEE del Consiglio relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti l'esercizio delle attivita' televisive, e' pubblicata nella G.U.C.E.

del 30 luglio 1997, n. L 202.

- La legge 14 aprile 1975, n. 103, recante «Nuove norme in materia di diffusione radiofonica e televisiva», e' pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1975, n. 102.

- Il decreto-legge 27 agosto 1993, n. 323 recante

Provvedimenti urgenti in materia radiotelevisiva

e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 28 agosto 1993, n. 202, convertito dalla legge 27 ottobre 1993, n. 422 (Gazzetta

Ufficiale 27 ottobre 1993, n. 253).

- Il decreto-legge 23 ottobre 1996, n. 545, recante:

Disposizioni urgenti per l'esercizio dell'attivita' radiotelevisiva e delle telecomunicazioni

, e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 23 ottobre 1996, n. 249, convertito dalla legge 23 dicembre 1996, n. 650 (Gazzetta

Ufficiale 23 dicembre 1996, n. 300).

- La legge 31 luglio 1997, n. 249, recante:

Istituzione dell'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo

, e' pubblicata nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale 31 luglio 1997, n. 177.

- Il decreto-legge 30 gennaio 1999, n. 15, recante:

Disposizioni urgenti per lo sviluppo equilibrato dell'emittenza televisiva e per evitare la costituzione o il mantenimento di posizioni dominanti nel settore radiotelevisivo

, e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

30 gennaio 1999, n. 24 e convertito dalla legge 29 marzo

1999, n. 78 (Gazzetta Ufficiale 31 marzo 1999, n. 75).

- Il decreto-legge 23 gennaio 2001, n. 5, recante:

«Disposizioni urgenti per il differimento di termini in materia di trasmissioni radiotelevisive analogiche e digitali, nonche' per il risanamento di impianti radiotelevisivi e' pubblicato nella Gazzetta ufficiale

24 gennaio 2001, n. 19, e convertito dalla legge 20 marzo

2001, n. 66 (Gazzetta Ufficiale 24 marzo 2001, n. 70).

- Il decreto-legge 24 dicembre 2003, n. 352, recante:

Disposizioni urgenti concernenti modalita' e tempi di definitiva cessazione del regime transitorio della legge

31 luglio 1997, n. 249

, e' pubblicato nella Gazzetta

Ufficiale 29 dicembre 2003, n. 300 e convertito dalla legge

24 febbraio 2004, n. 43 (Gazzetta Ufficiale 26 febbraio

2004, n. 47).

- Il decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, recante: «Testo unico della radiotelevisione», e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 7 settembre 2005, n.

208, S.O.

- Il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante: «Codice delle comunicazioni elettroniche», e' pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta

Ufficiale 15 settembre 2003, n. 214.

- Le direttive 2002/19/CE, 2002/20/CE, 2002/21/CE e

2002/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale del 24 aprile 2002, n.

L 100.

- Il testo dell'art. 1, della legge 19 luglio 2007, n.

106, recante «Delega al Governo per la revisione della disciplina relativa alla titolarita' ed al mercato dei diritti di trasmissione, comunicazione e messa a disposizione al pubblico, in sede radiotelevisiva e su altre reti di comunicazione elettronica, degli eventi sportivi dei campionati e dei tornei professionistici a squadre e delle correlate manifestazioni sportive organizzate a livello nazionale», pubblicata nella Gazzetta

Ufficiale 25 luglio 2007, n. 171., e' il seguente:

Art. 1. - 1. Allo scopo di garantire l'equilibrio competitivo dei soggetti partecipanti alle competizioni sportive e di realizzare un sistema efficace e coerente di misure idonee a stabilire e a garantire la trasparenza e l'efficienza del mercato dei diritti di trasmissione, comunicazione e messa a disposizione al pubblico, in sede radiotelevisiva e su altre reti di comunicazione elettronica, degli eventi sportivi dei campionati e dei tornei professionistici a squadre e delle correlate manifestazioni sportive organizzate a livello nazionale, il

Governo e' delegato ad adottare, su proposta del Ministro per le politiche giovanili e le attivita' sportive e del

Ministro delle comunicazioni, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, con il Ministro per le politiche europee e con il Ministro dello sviluppo economico, sentite le competenti Commissioni parlamentari, entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge e in conformita' ai principi e criteri direttivi di cui ai commi 2 e 3, uno o piu' decreti legislativi diretti a disciplinare la titolarita' e l'esercizio di tali diritti e il mercato degli stessi, nonche', entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore di ciascuno dei decreti legislativi, eventuali decreti legislativi integrativi e correttivi dei medesimi, adottati con le medesime procedure e gli stessi principi e criteri direttivi previsti dai commi 2 e 3.

2. La delega e' esercitata nel rispetto dei seguenti principi:

a) riconoscimento del carattere sociale dell'attivita' sportiva, quale strumento di miglioramento della qualita' della vita e quale mezzo di educazione e sviluppo sociale;

b) riconoscimento della specificita' del fenomeno sportivo, espressa nella dichiarazione del Consiglio europeo di Nizza del 2000;

c) riconoscimento, in capo al soggetto preposto all'organizzazione della competizione sportiva e ai soggetti partecipanti alla competizione medesima, della contitolarita' del diritto alla utilizzazione...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA