COMUNICATO - Dichiarazione di notevole interesse pubblico dei Tenimenti storici dell'Ordine Mauriziano ai sensi dell'articolo 136, comma 1, lettera c) del d.lgs. n. 42/2004 recante «Codice dei beni culturali e del paesaggio». (14A06554)

 
ESTRATTO GRATUITO

(Omissis). (D.G.R. n. 37 - 227) A relazione dell'Assessore Valmaggia: Premesso che: i Tenimenti storici dell'Ordine Mauriziano rappresentano sistemi territoriali di valenza storico-culturale e paesaggistica di particolare importanza: le tenute si caratterizzano per l'eccezionale integrita' della trama agraria e rappresentano uno dei pochi esempi della grande proprieta' fondiaria di pianura sopravvissuti nel tempo;

il Piano territoriale regionale approvato dal Consiglio regionale con deliberazione n. 388-9126 del 19 giugno 1997 aveva gia' individuato, ai sensi degli articoli 18-bis e ter (aggiunti con variante integrativa alle Norme Tecniche di Attuazione del Piano territoriale regionale, approvata con deliberazione del Consiglio regionale 2 novembre 2005, n. 35-33752), le aree di proprieta' della Fondazione Ordine Mauriziano come «Sistemi di terreni di interesse regionale», da sottoporre a specifica tutela;

in particolare, ai sensi del comma 5 del citato art. 18-bis del Piano territoriale regionale era previsto che i terreni di proprieta' della Fondazione Ordine Mauriziano non individuati dai Piani regolatori generali vigenti con destinazione residenziale e/o produttiva fossero vincolati all'uso agricolo, per un periodo di tempo di un anno a partire dal 31 dicembre 2005 (ai sensi del citato art. 18-ter);

il suddetto periodo di tempo e' stato poi esteso a tre anni mediante una nuova modifica alla normativa del Piano territoriale regionale, adottata con deliberazione della Giunta regionale 30 ottobre 2006, n. 5-4149. Tale regime di salvaguardia e' scaduto il 31 dicembre 2008;

ulteriori indirizzi di salvaguardia e valorizzazione sono stati previsti dal Piano paesaggistico regionale, adottato con deliberazione della Giunta regionale 4 agosto 2009, n. 53-11975, che riconosce nei Tenimenti dell'Ordine Mauriziano luoghi della tradizione regionale che, per le loro specificita' storiche, fisiche, ambientali e paesaggistiche, connotano la storia e la tradizione piemontese;

in particolare, il Piano paesaggistico regionale sopra citato, all'interno delle Norme di Attuazione (art. 33, Allegato C), individua i Tenimenti da assoggettare a specifica tutela, ai sensi della lettera d), comma 1, art. 143 del decreto legislativo n. 42/2004, recante «Codice dei beni culturali e del paesaggio»;

per tali ambiti si chiede di attivare la procedura per la dichiarazione di interesse pubblico di cui agli articoli 138, 139 e 140 del Codice;

Premesso inoltre che: ai sensi del decreto legislativo n. 42/2004 e' possibile assoggettare a specifica disciplina di tutela particolari aree e immobili per i quali sussiste il notevole interesse pubblico;

l'art. 137 del Codice prevede che sia un'apposita commissione a valutare la sussistenza del notevole interesse pubblico, sulla base di una proposta formulata ai sensi dell'art. 138, comma 1, «con riferimento ai valori storici, culturali, naturali, morfologici, estetici espressi dagli aspetti e caratteri peculiari degli immobili o delle aree considerati ed...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA