Accedo ergo sum

Autore:Guido Scorza
Occupazione dell'autore:Docente di diritto dell'informatica presso l'Università degli Studi di Bologna
Pagine:125-131
 
ESTRATTO GRATUITO
Accedo ergo sum
GUID O SCOR ZA
SOMM ARI O: 1. Il contesto – 2. I problemi di “accesso” – 3. Possibili soluzioni:
l’art. 21 della Costituzione
1. IL CO NTE STO
Jeremy Rifkin, uno degli economisti che più ha approfondito il tema del-
le nuove dinamiche socio-economiche, definisce quella che stiamo vivendo
come “l’era dell’accesso” e a supporto della propria tesi, scrive “I mercati
stanno cedendo il passo alle reti e la proprietà è progressivamente sostituita
dall’accesso. .. I cambiamenti in atto nella struttura delle relazioni economi-
che sono parte di una trasformazione di portata ben più profonda che riguar-
da l’essenza stessa del sistema capitalistico. Stiamo, infatti, assistendo a uno
spostamento di lungo periodo dalla produzione industriale a quella cultura-
le. Nel futuro, una quota sempre crescente di scambi economici nella loro
forma più innovativa sarà riferibile alla commercializzazione di una vasta
gamma di esperienze culturali, più che di beni e servizi prodotti industrial-
mente. Viaggi e turismo globale, parchi e città a tema, centri specializzati
per il divertimento e il benessere, moda e ristorazione, sport professioni-
stico, gioco d’azzardo, musica, cinema, televisione, oltre che il mondo vir-
tuale del cyberspazio e dell’intrattenimento elettronico di ogni genere, stan-
no diventando rapidamente il nucleo di un nuovo ipercapitalismo fondato
sull’accesso a esperienze culturali”1.
L’accesso costituisce, pertanto, prerequisito ineliminabile per la parteci-
pazione dell’uomo, del cittadino e dell’utente a una crescente – e già deter-
minante – serie di esperienze economiche, sociali, politiche e personali.
È, d’altra parte, circostanza nota, puntualmente rilevata da Baldassarre
quella secondo cui “C’è un evento che caratterizza gli anni che stiamo viven-
do. Il suo nome è globalizzazione, un nome con il quale si intende dire, più
o meno, che l’ambito naturale di vita dell’uomo è oggi il mondo intero”2.
La comunità della quale l’uomo e il cittadino fanno e devono far par-
te nella società dell’informazione ha, dunque, dimensioni globali e, anco-
L’Autoreè docente di diritto dell’informatica presso l’Università degli Studi di Bologna.
1J. RIFK IN,L’Eradell’accesso, traduzione italiana di Canton P., Milano, Mondadori, 2003.
2A. BALDA SSAR RE,Globalizzazione contro Democrazia, Bari-Roma, Laterza, 2002.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA