Strumenti software per banche dati giuridiche

Autore:Fabrizio Turchi
Carica:Ricercatore presso l'Istituto di Teoria e Tecniche dell'Informazione Giuridica del CNR.
Pagine:33-47
RIEPILOGO

1. Introduzione - 2. Automi web - 2.1. Sessioni e post automatici - 3. Filtri automatici - 3.1. Caso di studio: banca dati EurLex - 3.2. Similarità fra documenti - 4. Ambiente di redazione dei documenti - 5. Classificazione automatica dei documenti - 6. Ambiente di redazione della banca dati - 7. Ricerca dei documenti - 8. Conclusioni

 
ESTRATTO GRATUITO
Strumenti software per banche dati giuridiche
FABRI ZIO TURCH I
SOMM ARI O:1. Introduzione – 2. Automi web – 2.1. Sessioni e post automatici –
3. Filtri automatici – 3.1. Caso di studio: banca dati EurLex – 3.2. Similarità fra
documenti – 4. Ambiente di redazione dei documenti – 5. Classificazione automatica
dei documenti – 6. Ambiente di redazione della banca dati – 7. Ricerca dei documenti
– 8. Conclusioni
1. INT RODU ZIO NE
In questo articolo si descrive una collezione di strumenti software a ca-
rattere generale, sviluppati per offrire supporto alla gestione di banche dati,
che rappresentano un insieme di programmi riusabili in molte applicazioni
di informatica giuridica. La riorganizzazione sistematica di questi strumen-
ti è stata messa a punto durante lo sviluppo di procedure per la banca dati
VIPD, “Vita indipendente per persone disabili”1al fine di automatizzare il
flusso di produzione documentale e ridurre al minimo gli interventi manuali
di redazione dei singoli documenti.
Gli strumenti sviluppati svolgono funzioni diversificate:
permettono il download automatico di documenti dal web;
– attivano, in maniera automatica, filtri per individuare i documenti
pertinenti;
offrono ambienti per la redazione e la gestione dei documenti, tramite
interfaccia web;
usano in maniera intensiva macro Open Office2per l’automazione di
attività ripetitive;
indicizzano i documenti in full text, per la ricerca integrata dei docu-
menti.
Tali strumenti possono essere utilizzati, con minimi interventi di adatta-
mento, da chiunque sia interessato alla creazione, alla gestione o al controllo
L’Autore è ricercatorepresso l’Istituto di Teoria e Tecniche dell’InformazioneGiuridica
del CNR.
1Cfr. il sito a cura di Raffaello Belli http://www.ittig.cnr.it/disabilita.
2OpenOffice.org è una suite per ufficio completa, rilasciata con una licenza libera e open
source che ne consente la distribuzione gratuita. Legge e scrive files nei formati utilizzati dai
prodotti più diffusi sul mercato e, a garanzia della futura accessibilità dei dati, nel formato
OpenDocument, standard ISO. Sito ufficiale in italiano http://it.openoffice.org.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA