Sentenza Nº 48950 della Corte Suprema di Cassazione, 02-12-2019

Data di Resoluzione:02 Dicembre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da
Merawarage Fernando Lalith Chaminda, nato in Sri Lanka il 9/2/1974,
avverso l'ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Brescia in data 12/2/2019;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Carlo Renoldi;
letta la requisitoria del Pubblico ministero, in persona del Sostituto Procuratore
generale Roberta Barberini, che ha concluso chiedendo la declaratoria di
inammissibilità del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1. Con decreto del Magistrato di sorveglianza di Mantova in data 22/10/2018,
Fernando Lalith Chaminda Merawarage era stato espulso dal territorio dello Stato
ai sensi dell'art. 16, comma 5, d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286.
Avverso tale provvedimento il detenuto personalmente e il suo Difensore di
fiducia avevano proposto rituale opposizione al Tribunale di sorveglianza, il
quale, con ordinanza del 12/2/2019, l'aveva però rigettata, rilevando che: a) era
infondata la questione relativa alla violazione del diritto di difesa, essendo stato il
difensore di fiducia nominato successivamente al decreto di opposizione, non
essendo ultrattiva la nomina effettuata nel procedimento di cognizione ed
avendo comunque il difensore proposto opposizione, senza violazione del diritto
di difesa; b) era irrilevante la pendenza, successiva all'emissione del decreto
espulsivo, di procedure per la eventuale applicazione di misure alternative,
essendo l'espulsione obbligatoria, in presenza dei requisiti di legge; c) erano
Penale Sent. Sez. 1 Num. 48950 Anno 2019
Presidente: DI TOMASSI MARIASTEFANIA
Relatore: RENOLDI CARLO
Data Udienza: 07/11/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA