Sentenza Nº 42749 della Corte Suprema di Cassazione, 17-10-2019

Data di Resoluzione:17 Ottobre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da
Curatela fallimentare Deiulemar Shipping s.p.a.
Della Gatta Angelo, nato.a Torre del Greco (NA), il 26/04/1965,
Della Gatta Micaela, nata a Torre del Greco (NA), il 25/08/1970,
Della Gatta Pasquale, nato a Napoli il 08/08/1963;
Iuliano Giovanna, nata a Napoli il 24/06/1967,
Lembo Giuseppe, nato a Torre del Greco (NA), il 13/06/1937,
Lembo Maria Luigia, nata a Torre del Greco (NA), il 27/06/1929,
avverso la sentenza della Corte di Appello do Roma emessa in data 08/11/2017;
visti gli atti, il provvedimento impugnato ed il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere dott.ssa Rossella Catena;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.
Luigi Orsi, che, all'udienza del 17/05/2019, ha concluso per l'annullamento senza
rinvio per Maria Luigia Lembo; per l'annullamento con rinvio per Angelo Della
Gatta, Pasquale Della Gatta, Micaela Della Gatta, Giuseppe Lembo, limitatamente
all'aumento della pena per la ritenuta continuazione; per il rigetto dei ricorsi in
riferimento al capo C) e per l'inammissibilità dei residui ricorsi;
1
Penale Sent. Sez. 5 Num. 42749 Anno 2019
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: CATENA ROSSELLA
Data Udienza: 04/07/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
udito per la parte civile Fallimento Deiulennar Compagnia di Navigazione s.p.a. il
difensore di fiducia, Avv.to Davide Sangiorgio, che, all'udienza del 17/05/2019,
ha concluso per l'inammissibilità dei ricorsi o, in subordine, il rigetto,
depositando conclusioni scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Francesco Elmo in sostituzione dell'Avv.to Giuseppe Vitiello per le
parti civili Ferdinanda Ascione + uno, che, all'udienza del 17/05/2019, ha
concluso per l'inammissibilità dei ricorso o, in subordine, il rigetto, depositando
conclusioni scritte e nota spese;
udito per la ricorrente parte civile Fallimento Deiulmear Shipping s.p.a. il
difensore di fiducia, Avv.to Maria Elena Castaldo, che, all'udienza del
17/05/2019, ha concluso per l'accoglimento del ricorso, depositando conclusioni
scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Valentino Di Ludovico per le parti civili Ermelinda Rodia + 7 che,
all'udienza del 17/05/2019, ha concluso per il rigetto dei ricorsi, depositando
conclusioni scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Giovanni Paolo Picardi per la parte civile Lucio Matarazzo, 'anche
quale sostituto dell'Avv.to Giovanna Meloro per le parti civili Vincenzo Cacace +
uno, che, all'udienza del 17/05/2019, ha concluso per il rigetto dei ricorsi,
depositando conclusioni scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Fabio Laviano, sostituto processuale dell'Avv.to Claudio Lanzotti
per le parti civili Attilio Filippone + uno, che, all'udienza di 17/05/2019, ha
concluso per il rigetto dei ricorsi, depositando conclusioni scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Monica Cirillo per le parti civili Leonardo Abbracciavento + 325,
nonché in sostituzione dell'Avv.to Walter Rivieccio per le parti civili Francesco Di
Maio + 35, dell'Avv.to Antonio Tanza per le parti civili ADUSBEF + 64, dell'Avv.to
Michele Polese per le parti civili Giovanni Brancaccio + 10, dell'Avv.to Ivan
Filippelli per le parti civili Antonio Accardo + 130, dell'Avv.to Maurizio Toscano
per le parti civili Gelsomina Accardo + 77, che, all'udienza del 17/05/2019, ha
concluso per l'inammissibilità dei ricorso o, in subordine, il rigetto, depositando
conclusioni scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Stefano Maranella per la parte civile Aura Piantanida, nonché, in
sostituzione dell'Avv.to Silvio Piantanida, per la parte civile Cormun Vittorio, che,
all'udienza del 17/05/2019, ha concluso per il rigetto dei ricorsi, depositando
conclusioni scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Maria Rivieccio per la parte civile Liberino Rivieccio che, all'udienza
del 17/05/2019, ha concluso per il rigetto dei ricorsi, depositando conclusioni
scritte e nota spese;
udito l'Avv.to Eugenio Cricrì. nell'interesse di Giuseppe Lembo, che, all'udienza
del 04/07/2019, ha concluso per l'accoglimento del ricorso;
2
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
udito l'Avv.to Giro Pasquale Sepe, nell'interesse degli imputati Angelo Della
Gatta, Micaela Della Gatta, Pasquale Della Gatta, che, all'udienza del
04/07/2019, ha concluso per l'accoglimento dei ricorsi;
udito l'Avv.to Prof. Alfonso Stile, nell'interesse degli imputati Angelo Della Gatta,
Micaela Della Gatta, Pasquale Della Gatta, che, all'udienza del 04/07/2019, ha
concluso per l'accoglimento dei ricorsi;
udito l'Avv.to Vincenzo Siniscalchi, anche in sostituzione dell'Avv.to Gennaro
Imbò, nell'interesse delle imputate Maria Luigia Lembo e Giovanna Iuliano, che,
all'udienza del 04/07/2019, ha concluso per l'accoglimento dei ricorsi.
RITENUTO INI FATTO
1.Con la sentenza impugnata la Corte di Appello di Roma, in riforma della
sentenza emessa dal Tribunale di Roma in data 11/07/2014, con cui Della Gatta
Angelo, Della Gatta Micaela, Della Gatta Pasquale, Iuliano Giovanna, Lembo
Giuseppe, Lembo Maria Luigia erano stati condannati a pena di giustizia, oltre
che al risarcimento dei danni nei confronti della costituita parte civile Fallimento
DCN s.p.a., in riferimento ai reati a loro rispettivamente ascritti, così
provvedeva: dichiarava non doversi procedere nei confronti di Della Gatta
Angelo, Della Gatta Micaela, Della Gatta Pasquale, in relazione al reato di cui al
capo I), nei confronti di Iuliano Giovanna, in relazione al reato di cui al capo L),
nei confronti di Lembo Maria Luigia, in relazione al reato di cui al capo B), in
quanto estinti per prescrizione; ai sensi del'art. 599 bis, cod. proc. pen.,
rideterminava la pena nei confronti di Lembo Maria Luigia, in riferimento alle
residue imputazioni sub D) ed E), in anni tre mesi dieci di reclusione, oltre alle
pene accessorie; dichiarava non doversi procedere nei confronti di Della Gatta
Angelo, Della Gatta Pasquale, Lembo Giuseppe, in relazione al reato di cui al
capo H), in quanto estinto per prescrizione, condannando i predetti al
risarcimento dei danni nei confronti delle parti civili appellanti Filippone Attilio e
Padovani Fabrizia; dichiarava Della Gatta Angelo, Della Gatta Pasquale, Lembo
Giuseppe colpevoli del reato di cui al capo C) e, ritenuta la continuazione con gli
altri reati a loro rispettivamente ascritti, rideterminava la pena in anni tredici di
reclusione per Lembo Giuseppe, in anni undici mesi otto di reclusione ciascuno
per Della Gatta Angelo e Della Gatta Pasquale; concesse le circostanze
attenuanti generiche equivalenti alla contestata aggravante, rideterminava la
pena, nei confronti di Della Gatta Micaela e Iuliano Giovanna in anni cinque mesi
quattro di reclusione ciascuna; confermava, nel resto, l'impugnata sentenza.
3
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA