Sentenza Nº 40317 della Corte Suprema di Cassazione, 02-10-2019

Data di Resoluzione:02 Ottobre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
Sul ricorso proposto da:
AGOSTINO GIUSEPPE nato il 19/08/1969 a LOCRI
avverso la sentenza del 11/01/2018 della CORTE di APPELLO di CATANIA
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere IGNAZIO PARDO;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Felicetta Marinelli
che ha concluso chiedendo dichiararsi l'inammissibilità.
RITENUTO IN FATTO
1.1
Con sentenza in data 11 gennaio 2018, la Corte di appello di Catania, confermava la
pronuncia del 22 maggio 2017 del tribunale di Caltagirone che aveva condannato alle pene di
legge Agostino Giuseppe, in quanto ritenuto colpevole del delitto di truffa posto in essere
mediante una fittizia vendita attraverso il portale e-bay a seguito della quale veniva ricaricata
la carta poste-pay intestata allo stesso imputato.
1.2
Avverso detta sentenza proponeva ricorso per cassazione l'imputato, tramite il proprio
difensori di fiducia, deducendo:
- inosservanza ed erronea applicazione della legge penale ai sensi dell'art. 606 lett. b)
cod.proc.pen. in relazione alla ritenuta competenza per territorio dell'autorità giudiziaria
catanese, dovendosi individuare il luogo di consumazione del reato, commesso attraverso la
ricarica di una carta poste-pay per vendita di un bene mai ricevuto, nel posto ove l'autore della
Penale Sent. Sez. 2 Num. 40317 Anno 2019
Presidente: CERVADORO MIRELLA
Relatore: PARDO IGNAZIO
Data Udienza: 31/05/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA