Sentenza Nº 40129 della Corte Suprema di Cassazione, 01-10-2019

Data di Resoluzione:01 Ottobre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da
Sulku Altin, nato in Albania il 3/1/1994,
avverso l'ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Trento in data 16/10/2018;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Carlo Renoldi;
letta la requisitoria del Pubblico ministero, in persona del Sostituto Procuratore
generale Felicetta Marinelli, che ha concluso chiedendo il rigetto del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1. Con ordinanza in data 16/10/2018, il Tribunale di sorveglianza di Trento
rigettò l'opposizione proposta nell'interesse di Altin Sulku avverso il decreto n.
860/2018 emesso il 28/5/2018 dal Magistrato di sorveglianza di Trent°
I
con il quale
era stata disposta l'espulsione del condannato a titolo di sanzione alternativa alla
detenzione ai sensi dell'art. 16, comma 5, d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 (cd. Testo
unico Immigrazione). Secondo il Tribunale di sorveglianza, infatti, doveva ritenersi
irrilevante, diversamente da quanto dedotto in sede di opposizione, che Sulku
fosse coniugato con una cittadina rumena, presente in Italia da oltre dieci anni,
provvista di attività lavorativa, dalla quale egli aveva avuto una figlia, nata nel
2016. Ciò in quanto il divieto di espulsione di cui all'art. 19 d.lgs. n. 286 del 1998
opera unicamente nel caso in cui lo straniero sia coniugato con un cittadino e non
anche nell'ipotesi di rapporto di coniugio con il cittadino di uno Stato appartenente
Penale Sent. Sez. 1 Num. 40129 Anno 2019
Presidente: BONI MONICA
Relatore: RENOLDI CARLO
Data Udienza: 30/04/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA