Sentenza Nº 38455 della Corte Suprema di Cassazione, 17-09-2019

Data di Resoluzione:17 Settembre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI SIRACUSA
nel procedimento nei confronti di:
CARTA Giuseppe
e da:
CARTA Giuseppe, nato il 14/01/1985 a Siracusa
avverso l'ordinanza del 08/03/2019 del Tribunale di Catania
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere GIUSEPPE RICCARDI;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Tomaso Epidendio, che ha concluso
chiedendo l'annullamento con rinvio limitatamente al capo M, ed il rigetto dei ricorsi nel resto;
uditi i difensori, Avv. Francesco Favi e Avv. Giosuè Bruno Naso, che hanno concluso chiedendo
l'accoglimento del ricorso, ed il rigetto del ricorso del P.M..
RITENUTO IN FATTO
1. Con ordinanza del 13.2.2019 il GIP del Tribunale di Siracusa aveva applicato nei confronti di
Carta Giuseppe la misura cautelare degli arresti domiciliari, ritenendo sussistente il pericolo di
reiterazione di reati contro la P.A., avuto riguardo all'utilizzo distorto del "potere politico" derivante
dalla sua qualità di Sindaco del Comune di Melilli.
In particolare, l'ordinanza genetica aveva ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza in
relazione ai seguenti reati:
-
partecipazione ad
associazione per delinquere,
unitamente ad Elia Sebastiano (vice
Sindaco ed assessore) e a Saraceno Reginaldo (dipendente del Comune di Melilli), finalizzata a
Penale Sent. Sez. 5 Num. 38455 Anno 2019
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: RICCARDI GIUSEPPE
Data Udienza: 10/05/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA