Sentenza Nº 37830 della Corte Suprema di Cassazione, 12-09-2019

Data di Resoluzione:12 Settembre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da
Arzu Franco, nato a Talana il 10/5/1966,
avverso l'ordinanza del Tribunale di Siena in data 13/9/2018;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Carlo Renoldi;
letta la requisitoria del Pubblico ministero, in persona del Sostituto Procuratore
generale Elisabetta Cesqui,. che ha concluso chiedendo la declaratoria di
inammissibilità del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1. In data 9/5/2018, fu consumato, in Sinalunga, l'omicidio di Andrea Ndoja,
per il quale venne sottoposto a indagine tale Giulio Sale. Il successivo 8/8/2018
fu notificato a Franco Arzu l'invito a presentarsi presso gli uffici della Compagnia
dei Carabinieri di Siena al fine di sottoporsi al prelievo di campioni biologici,
finalizzato alla tipizzazione del D.N.A., in qualità di "persona interessata" nel
procedimento n. 1425/2018 N.R.N.R. della Procura della Repubblica di Siena
relativo al predetto omicidio. Il 9/8/2018, l'avv. Paolo Giuseppe Pilia,
presentandosi come difensore di fiducia di Arzu, segnalò l'impossibilità di
presenziare, considerati i tempi ristretti della convocazione, rappresentando,
contestualmente, l'illegittimità dell'iniziativa, non risultando che Arzu rivestisse la
condizione di persona sottoposta a indagine.
Per tale motivo, la polizia giudiziaria inviò una nuova convocazione per il
successivo 1/9/2018, senza che, però, potesse essere effettuato il prelievo a
Penale Sent. Sez. 1 Num. 37830 Anno 2019
Presidente: TARDIO ANGELA
Relatore: RENOLDI CARLO
Data Udienza: 08/03/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA