Sentenza Nº 35460 della Corte Suprema di Cassazione, 02-08-2019

Data di Resoluzione:02 Agosto 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da BRASACCHIO JONAS CELO nato a STOCCARDA(
GERMANIA) il 04/11/1985 avverso la sentenza del 10/11/2017 della CORTE
APPELLO di CATANZARO
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere ALFREDO MANTOVANO;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore ASSUNTA
COCOMELLO
che ha concluso per l'inammissibilita di entrambi i ricorsi.
udito i difensori avvocato VALERIO SPIGARELLI e avvocato GIUSEPPE NAPOLI,
in difesa di BRASACCHIO 30NAS CELO, i quali insistono per l'accoglimento del
ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1. La CORTE di APPELLO di CATANZARO, con sentenza in data 10/11/2017 -dep.
in data 8/02/ 2018, in parziale riforma della sentenza con la quale in data
10/12/2015 il TRIBUNALE di CROTONE, riconosciuta l'attenuante di cui all'art. 62
n. 6 cod. pen., aveva condannato BRASACCHIO 3onas Celo a pena di giustizia -
condizionalmente sospesa - per il reato di cui agli art. 110, 81 cpv. 61 n. 2 cod.
pen. e 55 co. 9 d.lgvo n. 231/2007, commesso a STRONGOLI-fraz. Marina e
MELISSA-fraz. Torre il 28 e 29/09/2010, concedeva all'imputato le attenuanti
generiche e rideterminava la pena. La responsabilità di BRASACCHIO era stata
affermata perché, entrato in possesso della carta Postamat sottratta da altri a
VETERE Felice nel corso di una rapina consumata contro costui, l'aveva utilizzata
Penale Sent. Sez. 2 Num. 35460 Anno 2019
Presidente: DIOTALLEVI GIOVANNI
Relatore: MANTOVANO ALFREDO
Data Udienza: 02/07/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA