Sentenza Nº 35154 della Corte Suprema di Cassazione, 31-07-2019

Data di Resoluzione:31 Luglio 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
CAPUTO ANTONIO nato a NAPOLI il 20/01/1974
avverso la sentenza del 6/12/2018 della Corte d'appello di Napoli
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Sergio Di Paola
Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Assunta
Cocomello che ha concluso chiedendo dichiararsi l'inammissibilità del ricorso
RITENUTO IN FATTO
1. La Corte d'appello di Napoli, con sentenza in data 6 dicembre 2018,
confermava la condanna alla pena ritenuta di giustizia pronunciata dal Tribunale
di Napoli, in data 30 marzo 2017, nei confronti di Caputo Antonio, in relazione ai
reati di cui agli artt. 474 e 648 cod. pen.
2.1. Propone ricorso per cassazione la difesa dell'imputato deducendo, con il
primo motivo di ricorso, vizio di motivazione, ai sensi dell'art. 606 lett. E) cod.
proc. pen., avendo omesso la sentenza impugnata di esaminare il motivo di
appello con il quale si censurava la carenza di prova in ordine alla registrazione
Penale Sent. Sez. 2 Num. 35154 Anno 2019
Presidente: CERVADORO MIRELLA
Relatore: DI PAOLA SERGIO
Data Udienza: 17/07/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA