Sentenza Nº 31202 della Corte Suprema di Cassazione, 16-07-2019

Data di Resoluzione:16 Luglio 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sui ricorsi proposti da
Soave Bruno, nato a Tripoli (Libia) il 22 luglio 1948
Tezza Graziella, nata a san Martino Buon Albergo il 22 novembre 1950
Traconf s.r.I., in persona del legale
rappresentante
avverso l'ordinanza del Tribunale di Verona del 30 ottobre 2018
visti gli atti, il provvedimento impugnato e i ricorsi;
udita la relazione svolta dal consigliere Alessandro M. Andronio;
udito il pubblico ministero, in persona del sostituto procuratore generale Francesco
Salzano, che ha concluso per il rigetto dei ricorsi;
uditi i difensori avv.ti Stefano Zanini e Stefano Giuseppe Gomiero.
RITENUTO IN FATTO
1. - Con ordinanza del 30 ottobre 2018, il Tribunale del Riesame di Verona ha
rigettato le richieste di riesame presentate nell'interesse degli indagati Tezza Gabriella e
Soave Bruno, nonché dalla società Traconf s.r.I., rappresentata legalmente da Pistilli
Stefano Gaetano, avverso il decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le
indagini preliminari del Tribunale di Verona in data 4 ottobre 2018, in ordine ai reati di cui
agli artt. 110 cod. pen. e 2 del d. Igs. n. 74 del 2000, sui conti correnti societari e
dell'indagato Soave Bruno, fino alla concorrenza di euro 6.964.681,61 in relazione ai
periodi di imposta 2012, 2013, 2014, 2015 e 2016. Secondo la prospettazione
accusatoria, dagli atti risulta che, a seguito di una verifica fiscale condotta nel 2017 nei
confronti della società Traconf s.r.l. - avente come oggetto sociale attività logistica nel
settore dell'alta moda per noti marchi internazionali - era emerso che la stessa aveva
Penale Sent. Sez. 3 Num. 31202 Anno 2019
Presidente: RAMACCI LUCA
Relatore: ANDRONIO ALESSANDRO MARIA
Data Udienza: 14/03/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA