Sentenza Nº 26211 della Corte Suprema di Cassazione, 13-06-2019

Data di Resoluzione:13 Giugno 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
GENTILE Vincenzo, nato il 24/07/1960 a Gioia del Colle
GENTILE Leonardo Vito Rocco, nato il 23/11/1952 a Gioia dei Colle
DI MOLFETTA Emanuela, nata il 07/01/1954 a Trani
avverso la sentenza del 01/02/2017 della Corte di Appello di Bari
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere GIUSEPPE RICCARDI;
udito i! Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Paolo
Canevelli, che ha concluso chiedendo i'inammissibilità dei ricorsi;
udito il difensore della parte civile, Avv. Carmelo Piccolo, che ha concluso
chiedendo l'inammissibilità dei ricorsi e depositando nota spese;
udito il difensore, Avv. Ivan Filippeili, che ha concluso chiedendo
l'accoglimento dei ricorsi.
RITENUTO IN FATTO
1. Con sentenza emessa il 01.02.2017 la Corte di Appello di Bari ha
confermato l'affermazione di responsabilità nei confronti di Gentile Vincenzo,
Gentile Leonardo Vito Rocco e Di Molfetta Emanuele per i reati di bancarotta
Penale Sent. Sez. 5 Num. 26211 Anno 2019
Presidente: BRUNO PAOLO ANTONIO
Relatore: RICCARDI GIUSEPPE
Data Udienza: 15/03/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA