Sentenza Nº 24204 della Corte Suprema di Cassazione, 13-11-2014

Data di Resoluzione:13 Novembre 2014
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso 8042-2012 proposto da:
PISANI
DANIELA
(PSNDN170E58B737H),
PISANI
AMELIA
(PSNMLA67T66B737W) e PISANI VITO (PSNVTI661117A66219, nella
loro qualità di eredi di PASQUALE PISANI, elettivamente
domiciliati in ROMA, VIA COLA DI RIENZO 85, presso lo studio
dell'avvocato LUCIO CARITO, rappresentati e difesi
dall'avvocato CRISTIANA SOLLAZZO giusta procura speciale a
margine del ricorso;
- ricorrenti -
contro
AMI+ ASSICURAZIONI GENERALI S.P.A., e per essa la propria
Aeg
mandataria e rappresentante GENERALI BUSINESS SOLUTIONS
S.C.P.A., in persona dei procuratori speciali HUGUENEY RICCO'
MARIO e CAPUANO FRANCESCO, elettivamente domiciliata in ROMA,
Civile Sent. Sez. 3 Num. 24204 Anno 2014
Presidente: BERRUTI GIUSEPPE MARIA
Relatore: VINCENTI ENZO
Data pubblicazione: 13/11/2014
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
VIA GIUSEPPE FERRARI 35, presso lo studio dell'avvocato MARCO
VINCENTI, che la rappresenta e difende giusta procura
speciale in calce al controricorso;
controrlcorrente
nonché contro
SANTAMARIA VITO LEONARDO; SANTAMARIA ANGELA; SPAGNOLO
ISABELLA;
- intimati -
avverso la sentenza n. 124/2011 della CORTE D'APPELLO di
BARI, depositata il 10/02/2011, R.G.N. 1223/2001;
udita la relazione dalla causa svolta nella pubblica udienza
del 26/09/2014 dal Consigliere Dott. ENZO VINCENTI;
udito l'Avvocato CRISTIANA SOLLAZZO;
udito l'Avvocato MARCO VINCENTI;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale
Dott. GIUSEPPE CORASANITI, che ha concluso per raccoglimento
del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
l. - Con sentenza resa pubblica il 10 febbraio 2011, la
Corte di appello di Bari - sull'impugnazione principale della
Assicurazioni Generali S.p.A. e su quella incidentale di Vito
Pisani, Amelia Pisani e Daniela Pisani, quali eredi di
Pasquale Pisani, deceduto nelle more del giudizio di primo
grado - riformava parzialmente la decisione del Tribunale
della medesima Città, in data 29 marzo 2001, che aveva
riconosciuto Vito Leonardo Santamaria, conducente dell'auto
investitrice, quale unico responsabile del sinistro stradale
avvenuto 1
1
11 febbraio 1992 in danno del pedone Pasquale
Pisani e lo aveva condannato, anche quale erede di Domenico
Santamaria, proprietario dell'auto anzidetta, in solido con
gli altri eredi di quest'ultimo, Isabella Spagnuolo e Angela
Santamaria, e con la compagnia assicuratrice del mezzo,
Assicurazioni Generali S.p.A., al risarcimento dei danni
liquidati in complessive lire 219.153.875, oltre accessori.
2
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA