Sentenza Nº 24040 della Corte Suprema di Cassazione, 26-09-2019

Data di Resoluzione:26 Settembre 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso iscritto al n. 9793/2015 R.G. proposto da
FEDERAZIONE ITALIANA DEI CONSORZI AGRARI SOC. COOP. A R.L. IN LI-
QUIDAZIONE E IN CONCORDATO PREVENTIVO, in persona del Commissario
liquidatore p.t. Andrea Baldanza, rappresentata e difesa dall'Avv. Prof. Piero
Sandulli, con domicilio eletto in Roma, via F. Paolucci de' Calboli, n. 9;
-
ricorrente e controricorrente
-
e
LIQUIDAZIONE GIUDIZIALE DEI BENI CEDUTI AI CREDITORI DELLA FEDE-
RAZIONE ITALIANA DEI CONSORZI AGRARI SOC. COOP. A R.L. IN CON-
CORDATO PREVENTIVO, in persona del liquidatore giudiziale p.t. Avv. Luigi
Farenga, rappresentata e difesa dagli Avv. Prof. Michele Tamponi ed Euge-
nio Picozza, con domicilio eletto presso lo studio del primo in Roma, via A.
Friggeri, n. 106;
- ricorrente e con troricorrente -
contro
Civile Sent. Sez. 1 Num. 24040 Anno 2019
Presidente: GIANCOLA MARIA CRISTINA
Relatore: MERCOLINO GUIDO
Data pubblicazione: 26/09/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
AG.E.A. - AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA, in persona del
Presidente p.t., rappresentata e difesa dall'Avvocatura generale dello Stato,
con domicilio legale in Roma, via dei Portoghesi, n. 12;
- con troricorrente e ricorrente incidentale
-
avverso la sentenza della Corte d'appello di Roma n. 1534/14 depositata il 6
marzo 2014.
Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 7 febbraio 2019 dal
Consigliere Guido Mercolino;
uditi gli Avv. Piero Sandulli, Eugenio Picozza, Michele Tamponi e l'Avvo-
cato dello Stato Gianni De Bellis;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale
Alberto CARDINO, che ha concluso chiedendo l'accoglimento del primo mo-
tivo del ricorso principale ed il rigetto degli altri motivi e del ricorso inciden-
tale.
FATTI DI CAUSA
1. Il Commissario liquidatore della Federazione Italiana dei Consorzi A-
grari S.c.a.r.l. in liquidazione e in concordato preventivo con cessione dei
beni ai creditori ed il Liquidatore giudiziale dei beni ceduti ai creditori con-
vennero in giudizio l'A.I.M.A. - Azienda per gl'interventi nel Mercato Agrico-
lo, per sentir dichiarare l'illegittimità dell'ingiunzione Prot. n. 733, emessa il
15 aprile 1999, con cui era stato loro intimato il pagamento della somma di
Lire 330.979.161.405, oltre interessi legali, a titolo di restituzione delle an-
ticipazioni dell'80% concesse sull'integrazione al prezzo dei semi di soia per
le campagne agricole 1989/1990 e 1990/1991, e per sentir condannare la
convenuta al pagamento della differenza tra l'importo totale dell'integrazio-
ne e quanto versato a titolo di anticipazione.
Si costituì l'AIMA e resistette alla domanda, chiedendo il rigetto dell'op-
posizione e proponendo, in subordine, domanda riconvenzionale di condan-
na delle attrici al pagamento delle somme indicate nell'ingiunzione, ovvero
di accertamento dell'importo dovuto.
A seguito della soppressione dell'AIMA, si costituì inoltre l'AG.E.A. - A-
2
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA