Sentenza Nº 22932 della Corte Suprema di Cassazione, 29-09-2017

Data di Resoluzione:29 Settembre 2017
 
ESTRATTO GRATUITO
20/11/2015;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del
14/07/2017 dal cons. GENOVESE FRANCESCO ANTONIO;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale ZENO
IMMACOLATA che ha concluso per l'inammissibilità, in subordine
rigetto del ricorso.
FATTI DI CAUSA
1.
Con «ordinanza» in data 12 ottobre 2015, il giudice di Pace di
Roma ha dichiarato improcedibile l'istanza del sig.
Gookooluk Sunjay,
cittadino delle
Mauritius,
proposta per ottenere la «revoca» del
decreto di convalida che, ai fini della sua espulsione dal territorio
nazionale, stabilita [ai sensi dell'art. 13, co. 2, lett. c) D. Lgs. n. 286
del 1998] con provvedimento del locale Prefetto in data 18 agosto
2015, aveva confermato il suo trattenimento presso il CIE (di Ponte
Galeria), adottato dal Questore di Roma in data 20 agosto 2015, e
notificatogli il 1 dicembre 2015.
2.Avverso tale pronuncia di improcedibilità della richiesta di revoca
della convalida «espulsiva»
[recte:
del trattenimento presso il CIE],
ex
artt. 742 e
742-bis
cod. proc. civ., ha proposto ricorso per
cassazione il sig.
Gookooluk Sunjay,
sulla base di tre motivi.
3.
Il Ministero non ha svolto difese.
RAGIONI DELLA DECISIONE
1.Con il primo motivo di ricorso [Violazione e/o falsa applicazione
degli artt. 13, 14 e 15 della Direttiva UE n. 115 del 2008: art. 360 n.
3 cod. proc. civ.] il ricorrente lamenta che la Corte territoriale abbia
dichiarato improcedibile l'istanza ritenendo inapplicabili al rito gli artt.
742 e
742-bis
cod. proc. civ., dovendosi invece seguire la procedura
penale.
1.1.
In particolare, il giudice avrebbe comunque violato l'art. 15 della
cd. «direttiva rimpatri» che, pur non integralmente recepita nel
nostro ordinamento, si applicherebbe comunque al caso esaminato,
trattandosi di norma
self-executing,
secondo l'interpretazione data
dalla Corte di Giustizia UE e secondo un'interpretazione
costituzionalmente orientata.
2.
Con il secondo [Violazione e/o falsa applicazione degli artt. 13 e
14, co.5, D. Lgs. n. 286 del 2008, in relazione agli artt. 13 e 15
2
Civile Sent. Sez. 1 Num. 22932 Anno 2017
Presidente: DI PALMA SALVATORE
Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO
Data pubblicazione: 29/09/2017
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA