Sentenza Nº 16780 della Corte Suprema di Cassazione, 21-06-2019

Data di Resoluzione:21 Giugno 2019
 
ESTRATTO GRATUITO
SENTENZA
sul ricorso 209-2017 proposto da:
EY SPA , elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO n.28,
presso lo studio dell'avvocato FRANCESCO MAROTTA, che la
rappresenta e difende unitamente agli avvocati ALDO
GIUSEPPE SACCHI, VERA SACCHI e MAURIZIO GALBIATI
- ricorrente -
contro
CONSOB - COMMISSIONE NAZIONALE PER LA SOCIETÀ E LA
BORSA, in persona del legale rappresentante pro tempore,
elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIOVANNI BATTISTA
MARTINI n.3, presso lo studio dell'avvocato SALVATORE
PROVIDENTI, che la rappresenta e difende unitamente agli
Civile Sent. Sez. 2 Num. 16780 Anno 2019
Presidente: PETITTI STEFANO
Relatore: OLIVA STEFANO
Data pubblicazione: 21/06/2019
Corte di Cassazione - copia non ufficiale
avvocati MARIA GIOCONDA DE GAETANO POLVEROSI e
GIANFRANCO RANDISI
- controricorrente -
avverso il decreto della CORTE D'APPELLO di ROMA depositato
il 24/05/2016;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del
08/11/2018 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVA;
udito il P.M. nella persona del Sostituto Procuratore dott.
FULVIO TRONCONE, che ha concluso per il rigetto del ricorso;
udito l'Avvocato ALDO GIUSEPPE SACCHI e l'Avvocato
LORENZO DANESE per delega dell'Avvocato MAURIZIO
GALBIATI per il ricorrente, che hanno concluso per
l'accoglimento del
ricorso,
e
l'avvocato
SALVATORE
PROVIDENTI per il resistente, che ha concluso per il rigetto.
FATTI DI CAUSA
Con delibera n.18821 del 4.3.2014 la CONSOB, all'esito di una
verifica ispettiva disposta ex art.22 terzo comma lettera b) del
D.Lgs. n.39/2010 presso la Reconta Ernst & Young Spa (oggi
EY Spa) irrogava alla società di revisione la sanzione pecuniaria
di C 200.000, ai sensi degli artt.26 e 43 del predetto D.Lgs.
n.39/2010 e dell'art.163 del T.U.F.
CONSOB configurava a carico della società la violazione di
alcuni principi contabili in occasione della revisione del bilancio
di esercizio di Fondiaria Sai Spa chiuso al 31.12.2010, in
particolare con riferimento alle riserve sinistri ramo auto e
natanti, alle verifiche di conformità sulla gestione dei sinistri
riservati, riaperti e pagati, alle verifiche di quadratura
nell'ambito dei test di validità del ramo responsabilità civile
auto e natanti, ad incertezze sui tempi di esecuzione delle
verifiche, ad irregolarità nell'archiviazione di documenti.
Ric. 2017 n. 00209 sez. 52 - ud. 08-11-2018
-2-
Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA